Il Ponte

Prodi a Rimini

by

Nell’analisi iniziale di quest’anno pastorale i temi interessanti emersi dal confronto del Progetto Culturale diocesano sono stati quelli legati allaconvivenza tra culture diverse, al fenomeno dell’immigrazione, al clima socio-politico di particolarismo, scontro e rabbia, tutti riconducibili al filone “Europa”, così attuale in questo momento pre-elettorale.

Gli approfondimenti preliminari hanno riguardato la nascita dell’Unione, la sua economia oggi, la circolazione delle persone, i trattati e le leggi che la regolano e tutti sono confluiti nel progetto di una conferenza-dibattito finale, venerdì 10 maggio: “ Ripensare l’Europa, per una comunità di persone”, alla quale abbiamo invitato il professor Romano Prodi.

Il “Professore” è titolatissimo esperto del tema, soprattutto per la sua esperienza di presidente della Commissione europea dal 1999 al 2004, gli anni in cui entrò in vigore l’euro come valuta corrente e furono ammessi nell’Unione 10 nuovi paesi.

Papa Francesco, di cui abbiamo ripreso il titolo di “Ripensare l’Europa” dal discorso tenuto nell’ottobre 2017, in occasione del 60° anniversario della firma dei Trattati di Roma: “Il primo, e forse più grande, contributo che i cristiani possono portare all’Europa di oggi è ricordarle che essa non è una raccolta di numeri o di istituzioni, ma è fatta di persone. Purtroppo, si nota come spesso qualunque dibattito si riduca facilmente ad una discussione di cifre. Non ci sono i cittadini, ci sono i voti. Non ci sono i migranti, ci sono le quote. Non ci sono lavoratori, ci sono gli indicatori economici. Non ci sono i poveri, ci sono le soglie di povertà. Il concreto della persona umana è così ridotto ad un principio astratto, più comodo e tranquillizzante”.

Già questo richiamo basta a motivarci all’esigenza di votare e di farlo in modo meditato e consapevole. Con lucidità e consapevolezza delle nuove necessità, il Santo Padre passa in rassegna i nodi essenziali della questione europea, il lavoro, lo sviluppo, la salvaguardia della pace, la convivenza, l’integrazione, l’educazione, chiedendo ai cristiani di riscoprire e rifondare l’anima dell’Europa.

Noi, nella comune esperienza di cittadini, sentiamo quasi ogni giorno affermare che questa Europa, così com’è, non va bene e molti parlano della necessità di riforme strutturali: ma come salvaguardare il suo essere partecipativa ed egualitaria, così come l’immaginavano i padri fondatori? Un altro lato evidente e problematico della questione è la percezione diffusa che gli aspetti finanziari prevalgano su quelli sociali, le leggi di mercato sulla democrazia.

Per non parlare del fenomeno dell’immigrazione e della sua gestione, che quotidianamente accende commenti e dibattiti nazionali ed internazionali, spesso strumentalizzati per la ricerca di facile consenso.

Mirna Ambrogiani

Referente del Progetto Culturale diocesano

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!