Il Ponte

Populisti alla riscossa

by

La pandemia ha avuto come effetto collaterale sul piano politico una battuta d’arresto se non un vero e proprio ridimensionamento della corrente populista che si era affermata negli ultimi anni anche in termini di consenso elettorale. Di fronte alla drammatica concretezza del contagio, le parole d’ordine della demagogia hanno perso capacità attrattiva e potenziale divisivo.

Posta di fronte a un problema reale, non alimentato né distorto dalla propaganda sostenuta dall’uso massiccio di media sia nuovi che tradizionali, l’opinione pubblica si è quasi istintivamente ritrovata intorno alle istituzioni comuni e ha espresso un forte di bisogno di reciproca solidarietà. Adesso, però, la pressione del Covid-19 si è notevolmente allentata in Europa, e nel nostro Paese in particolare, mentre si fanno sentire più pesantemente le conseguenze sociali ed economiche, che colpiscono in misura non omogenea le popolazioni e i territori.

Una situazione in cui, in mancanza di correttivi efficaci e tempestivi, il populismo può fare nuovamente breccia, anche alimentando le tensioni. I segnali in questo senso purtroppo non mancano. A partire dall’uso strumentale del tema dell’immigrazione, quasi scomparso dallo scenario politico nelle fasi più acute della pandemia e ora prontamente riemerso dall’arsenale ideologico delle forze che su di esso hanno costruito buona parte delle loro fortune.

Altro tema da monitorare con attenzione è quello dell’anti-europeismo, che a differenza dell’immigrazione è stato ben presente nei mesi dello tsunami virale, soprattutto a causa del ritardo con cui la Ue si è fatta carico unitariamente di una crisi che per definizione non era affare dei singoli Stati. Adesso che la risposta europea, peraltro anticipata dall’intervento della Bce che è stato decisivo per un Paese ad alto debito pubblico come l’Italia, si va finalmente concretizzando e in una misura senza precedenti, le pulsioni anti-europeiste non sembrano affatto affievolirsi. Anzi. Il che dimostra ancora una volta l’elevato tasso di ideologia che è alla radice di certe posizioni.

Un altro segnale indicativo, anche se infinitesimale rispetto agli altri temi, è venuto in questi giorni dalle reazioni incandescenti alla vicenda dei vitalizi dei parlamentari. In realtà i vitalizi sono stati aboliti nel 2011, ora si discute del taglio retroattivo dei trattamenti già in essere. Quel che vale la pena tenere in evidenza è il contenuto di anti-parlamentarismo che può esserle associato. A settembre gli italiani saranno chiamati a votare per il referendum sulla riduzione di deputati e senatori e c’è il rischio che la consultazione si trasformi in un’esaltazione dell’anti-politica. Invece il Paese ha un gran bisogno di politica. Di buona politica, quella che sa ascoltare, valorizzare il confronto e poi decidere avendo come bussola non gli interessi particolari, ma il bene comune.

Stefano de Martis

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!