Il Ponte

Oltre la paura

by

Quasi un invito che suona anche come impegno – andare oltre… a un’emozione, oggi più che mai, tanto diffusa, la paura. Non è necessario essere grandi esperti per constatare quanto questa emozione la faccia ormai da padrone nelle nostre città. Ne parlava già due anni fa, lo psichiatra Vittorino Andreoli: viviamo “in una cornice di civiltà disastrosa”. Oggi, aggiungeva, “domina la cultura del nemico: la superficialità porta l’identità a fondarsi sul nemico. Se uno non ha un nemico non riesce a caratterizzare se stesso. Questa è una regressione antropologica”. E le cronache di questi giorni non fanno altro che confermare queste parole. Dalla vicenda Aquarius all’omicidio di Soumaila Sacko, dai continui femminicidi agli episodi di bullismo, e l’elenco, purtroppo, potrebbe continuare…
Domina la cultura del “nemico”, frutto dell’incapacità di indirizzare la paura o meglio della capacità di qualcuno di far presa sulle paure, che stanno generando odio sociale. Sia ben chiaro: la paura non esprime solo emozioni negative. C’è quella “sana” che si fa attesa per qualcosa da compiere o raggiungere. Basta pensare ai ragazzi che in questi giorni hanno gli esami scolastici. Sono quelle paure fisiologiche che irrobustiscono. Di contro, ci sono paure patologiche: sono quelle che bloccano e paralizzano, sfociando il più delle volte in frustrazione e rabbia. A livello sociale, ciò avviene quando si ha a che fare con ciò che è diverso e mette in discussione le certezze, ritenute ormai acquisite: così, l’altro diventa una minaccia da cui difendersi. Oggi sono i migranti, qualche decennio fa erano gli albanesi e prima ancora gli ebrei. Giustamente il cardinale Gualtiero Bassetti afferma: “Non mi nascondo quanto sia complesso il fenomeno migratorio: risposte prefabbricate e soluzioni semplicistiche hanno l’effetto di renderlo, inutilmente, ancora più incandescente”. E, aggiungiamo, di rinchiuderlo in quel circolo vizioso di cui si autoalimentano i social, amplificando a scapito della loro rilevanza, pertinenza e affidabilità contenuti infondati o, peggio, falsi. Così le paure montano in una sorta di spirale che sembra resistere a qualsiasi tentativo di svelamento o smentita del falso. Che fare? C’è una via d’uscita? “Il miglior antidoto contro le falsità – suggerisce Papa Francesco – non sono le strategie, ma le persone: persone che, libere dalla bramosia, sono pronte all’ascolto e attraverso la fatica di un dialogo sincero lasciano emergere la verità”. Un percorso impegnativo che richiama la fatica e la bellezza del pensare e dell’impegno comunitario nella conoscenza. Il tutto a partire dall’ascolto, ritmato dai giusti tempi del silenzio e del discernimento. Solo così svilupperemo gli anticorpi necessari per riconoscere limiti e problemi e, nella misura del possibile, vincere le paure sociali.

Vincenzo Corrado

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!