Il Ponte

Nonna Lucia, la signora delle Barbie

by

Il modello “Piccole Donne” e la Biancaneve, la Fatina Azzurra e le Popolane. Fino ad arrivare alle Spose, vestite di trine bianche, con cappelli orlati e i mantelli, i lunghi strascichi. Sono un esercito, una vera e propria sfilata le Barbie esposte in via Battelli, a Sant’Agata Feltria. Bambole acconciate e vestite di tutto punto e in maniera del tutto personale e artigianale, con abiti all’uncinetto, e accessori perfettamente pendenti.

La “bambina” a cui si deve questa che è ben più di una mostra è Lucia Giuliani, ormai nota a tutti con il nome di “Nonna Lucia”, 82 anni e una passione infinita per le Barbie da vestire.

Nei giorni de “Il Paese del Natale”, il mercatino natalizio in programma il 2, 8, 9 e 16 dicembre, centinaia di persone entrano ed escono dalla mostra “Le Barbie di Nonna Lucia”, congratulandosi con lei e lasciando parole ammirate sul diario sistemato vicino all’uscita. La mostra è aperta al pubblico ed è visitabile gratuitamente nel centro storico del borgo.

Lucia Giuliani veste le sue bambole da una vita.Prendo le Barbie al mercatino dell’usato, le vesto con abiti e oggetti di abbigliamento ideati e ricamati da me, secondo il mio gusto e la mia fantasia. – racconta la 82enne ricamatrice – Le pettino, le acconcio, le assemblo. Faccio tutto in casa: i vestiti con le mie mani, e all’uncinetto; ma anche gli accessori (borsette, cappelli, orecchini, gioielli), e pure le acconciature”. La figlia M. Maddalena aiuta la mamma a mettere le Barbie in mostra, in modo tale che sembrano muoversi per davvero.

Le sale dell’antico palazzo santagatese in cui “Nonna Lucia” espone le sue creature sono vaste e scenografico. Una coreografia naturale nella quale sono riprodotti gli ambienti paesani: il campanile della Chiesa Collegiata, il plastico del Palazzo Comunale, il Teatro Mariani, Rocca Fregoso. Ogni ambiente è abitato da Barbie perfettamente rivestite e in abiti adatti al luogo. C’è la Butterfly e la Turandot, il modello Lady Diana, l’Elena di Troia.

Sono le mie creature – aggiunge commossa Lucia – e tutte curate nei minimi particolari: i vestiti, ma anche i gioielli con cui le ho agghindate, e i capelli. Anche le acconciature – prosegue Nonna Lucia – sono curate da me una per una, e ognuna diversa dall’altra a seconda del personaggio che voglio creare”. C’è persino un coiffeur per signore, esposto in via Battelli. E una sfilata in abiti da sera, protagoniste – ovviamente – sempre e solo le amate Barbie della signora Lucia. “Mi tengono compagnia” assicura.

Ne ha realizzate oltre centoventi nella sua lunga “carriera” di costumista, ricamatrice, maga dell’uncinetto. Ma non chiedetegli il prezzo o la possibilità di acquistarle. “Non le vendo assolutamente. – assicura – Tante persone vengono a vederle, io apro loro la porta e le metto a disposizione, ma gratuitamente. A me basta sapere che chi viene resta contento”. E a giudicare dalla fila che si crea nei giorni del “Paese del Natale”, gli ammiratori sono tanti.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!