Il Ponte

Natale in fabbrica con il diacono operaio

by

Luca è uno dei sei diaconi permanenti ordinati nello scorso ottobre. Lavora come metalmeccanico in una importante azienda della provincia di Rimini, a Cerasolo Ausa. Non fa mistero della sua nuova vocazione, è già attivamente a servizio della “nuova” parrocchia di Corpolò, ma sul posto di lavoro non suona neppure la grancassa. Cerca di vivere da cristiano nel quotidiano. Il suo nuovo servizio non è però passato inosservato. È stato lo stesso Francesco, responsabile di produzione a lanciare l’idea: “Luca, perché non organizziamo una celebrazione in preparazione al Natale, prima di andare in ferie?”.
Sciolte alcune riserve, il diacono si è rimboccato le maniche e la fabbrica dove si producono monoblocchi termoisolanti è diventata luogo di incontro. Luogo di una breve celebrazione della Parola con tutti i crismi, ben preparata e soprattutto partecipata. Le letture della Messa di Natale, e la possibilità di “rispondere” con una esperienza personale. Dei colleghi di lavoro non mancava nessuno: c’è chi è arrivato all’appuntamento con più d’una perplessità, e chi con aperto scetticismo. Ma tutti e ciascuno hanno occupato il loro posto, ascoltando le letture scelte per l’occasione e la breve “omelia” pronunciata dal diacono. Toccati dalla celebrazione, tanti operai hanno pronunciato preghiere spontanee. E più d’uno è rimasto sorpreso da come un libro scritto oltre 2.000 anni fa possa essere così contemporaneo, così vicino alle aspirazioni e ai bisogno dell’uomo di oggi.
La celebrazione è terminata con uno scambio di pace: una bella maniera per scambiarsi gli auguri di buon Natale, buon anno e buone feste. Così vera che il responsabile di produzione ha già rilanciato: “La rifaremo il prossimo anno”. Chissà che l’anno prossimo non si possa rifare la celebrazione con tutte le maestranze e magari il titolare dell’azienda, coinvolgendo tutte le diverse sedi dell’azienda? Anche così si vive la vocazione da “uomo della soglia”.

Paolo Guiducci

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!