Il Ponte

Mezzi pubblici gratuiti per i giovani under 10

by

Aumentare la fruibilità del trasporto pubblico locale. Questo attraverso una politica tariffaria capace di privilegiare alcune categorie sociali come i ragazzi, le famiglie e gli anziani. Per farlo il Comune di Rimini investe 40mila euro a beneficio dei ragazzi residenti fino a 10 anni consentendo l’accesso gratuito su ogni mezzo. Una scelta, con rilascio di tessere nominative, che ha come finalità quella di coinvolgere i bambini in età scolare verso una maggiore educazione alla mobilità attiva, autonoma e sostenibile. Rimangono esclusi da tale accesso gratuito i servizi di Scuolabus del Comune di Rimini a cui si accede secondo un diverso regolamento e titolo di viaggio. Una misura che si accompagna e si integra a quelle verso gli under 26, le famiglie, gli anziani con un costo previsto a carico del Comune di Rimini di circa 110mila euro per il biennio 2018-2019. In particolare la Giunta ha deciso di allineare il sistema tariffario al sistema tariffario regionale, portando la validità degli abbonamenti scolastici anche nei mesi estivi, introducendo un pacchetto di agevolazioni mirato agli under 26 e alle famiglie. In particolare, per le famiglie che hanno un reddito ISEE fino a 25.000 euro, gli under 26 potranno beneficiare di uno sconto nel complesso pari a circa il 15% sulla nuova tariffa. Il pacchetto approvato prevede anche una attenzione alle famiglie numerose, con l’introduzione della gratuità per l’abbonamento dal terzo figlio in poi, indipendentemente dal reddito ISEE.
“I giovani rappresentano il futuro del nostro paese – sottolinea l’assessore alla Mobilità Roberta Frisoni – e dobbiamo insegnare loro fin da piccoli che muoversi con i mezzi pubblici è la soluzione migliore”.

Francesco Barone

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!