Il Ponte

Mamme di giorno cercansi

by

LA REGINA cerca mamme, di giorno. Mamme pronte ad accudire in casa loro bambini di altre famiglie per un servizio educativo, culturale e sociale di altissimo livello. In seno alla parrocchia di S. Pio V la cooperativa Il Maestrale sta promuovendo il progetto Mamme di giorno per educatrici domiciliari professionali. “Di fatto – spiega Astorre Mancini, responsabile del progetto – vogliamo istituire in città una rete di relazioni e servizi in grado di accogliere nelle case o in luoghi adibiti appositamente, i bambini che non hanno trovato posto nei nidi o nelle istituzioni preposte. Un servizio diverso, dunque, con un massimo di 5 bambini per mamma”.
Un’ulteriore opportunità di lavoro per tante donne che magari sono anche mamme di figli piccoli e potrebbero seguire come vere operatrici educative contemporaneamente tra le mura di casa altri figli, regolarmente retribuite. In altre città italiane l’esperimento sta funzionando molto bene e chi svolge tale mansione arriva pure a stipendi di 800-900 euro. “Crediamo che ricopra un ruolo di relazione sociale anche molto importante – spiega Mancini – perché attraverso questo progetto le famiglie entrano in contatto con loro e si costruisce un clima di fiducia e di aiuto reciproco che porta davvero serenità nelle case. È a questo che noi miriamo”. Già una decina sarebbero le donne disposte a ricoprire tale ruolo. “Ma prima dovranno frequentare e superare un corso destinato a formare le nuove educatrici domiciliari – spiega Mancini – un corso che presenteremo ad un incontro pubblico lunedì 29 ottobre, al teatro Snaporaz”. È pronto a sostenere questo progetto anche il Comune di Cattolica. “Cercheremo di pubblicizzare questa iniziativa il più possibile – commenta il sindaco Pietro Pazzaglini – sostenendo anche il corso”. Appuntamento lunedì 29 allo Snaporaz, per capire davvero la portata dell’idea e la risposta del territorio.

Luca Pizzagalli

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!