Il Ponte

Lunedì arriva una… Colomba che non porta di certo pace

by

Campanello d’allarme per il Rimini. Due punti in 3 partite (di cui 2 casalinghe, con Frosinone e Livorno), con 3 punti complessivi buttati via (e 2 gol incassati) a gara pressoché conclusa, riconducono a pensieri foschi e poco tranquillizzanti. La zona pericolosa si è, infatti, nuovamente avvicinata e il campionato sta velocemente avvicinandosi alla fase decisiva, considerato che mancano 10 giornate allo striscione finale.
Il rientro da Mantova, con segnatura subita all’88’, ha rigettato nello sconforto Ricchiuti e compagni, non solo perché stavano assaporando l’idea del terzo pareggio consecutivo (peraltro giusto, per quanto evidenziato in campo) ma anche perché permetteva di tenere a debita distanza, nelle retrovie, una possibile concorrente. Va, comunque, evidenziato che in terra virgiliana è andato in scena il Rimini più incerottato e contato della stagione.
Ricapitoliamo: al palo da mesi il difensore polacco Augustjn; fermo da quasi un mese il terzino destro Vitiello; perso definitivamente, due settimane fa, il terzino sinistro Regonesi; non ancora recuperato a centrocampo Frara; assenti per squalifica Docente e Rinaldi; in fase di riscaldamento dà forfait anche Bravo, l’altro terzino mancino, uscito malconcio contro il Livorno; mentre Paraschiv, non al meglio, siede tra le riserve. Totale: 7 biancorossi non abili e ben 4 Primavera in panchina.
Selighini è stato costretto ad improvvisare Pagano terzino di sinistra (con buoni risultati), confermando un versatile La Camera in mezzo al campo e inserendo Paponi, prima, e Matteini, poi, come vice Docente (miglior marcatore riminese con 6 gol). Purtroppo a non lasciare tracce sono ancora i due attaccanti provenienti dal Parma, che, arrivati in riviera a gennaio, non sono riusciti a dare un contributo reale alla causa, come mostra anche il malinconico 0 nella loro casella delle reti.
Lunedì sera (ore 20.45) al “Romeo Neri” sarà necessario recuperare tutte le residue energie per affrontare un Ascoli, che, dopo un inizio incerto, si è affidato alle cure di Franco Colomba, inanellando una serie di risultati positivi che lo ha portato ad affiancare i biancorossi a quota 40 punti (9 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte). Un risultato utile potrebbe consentire ai riminesi di ottenere una necessaria boccata d’ossigeno e di guardare con maggiore tranquillità il prosieguo del campionato.
I marchigiani sono reduci da un doppio pari con Cittadella (0-0) e Albinoleffe (2-2, rincorrendo per due volte i seriani). In evidenza il 20enne ariete albanese Cani, autore di una doppietta nell’ultimo turno, mentre i migliori realizzatori rimangono Belingheri (6 reti) e Soncin (4). Proprio quest’ultimo fu protagonista di un brutto episodio nell’intervallo della partita d’andata, provocando Sottil, la cui reazione (seppur solo verbale) gli costò l’espulsione e al Rimini i 3 meritati punti (gol di Cipriani al 29’), venendo raggiunto all’89’ (!) grazie ad un autogol di Catacchini.

Roberto Baietti

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!