Il Ponte

L’Hotel social e a Km zero

by

spiaggia-di-rimini-hotel-socia

In quanto a comodità non ha nulla da invidiare ai vari Grand Hotel di lusso, ma di stelle ne ha tre e mezzo. Gli interni sono da rivista di architettura internazionale e il suo spirito è nordeuropeo, ma è impiantato in una delle traverse di Rivazzurra, nella periferia riminese. Si potrebbe pensare di spendere una follia per quelle camere dai pezzi unici vintage con materassi di qualità, e invece in bassa stagione si può prenotare una doppia per 50 euro a notte. La famiglia Fabbri, gestore dell’Up Hotel di Rimini, ha capito che il viaggiatore moderno è diverso da quello degli anni d’oro che prenotava ogni anno al telefono, stava in media due settimane e voleva la pensione completa con ombrellone e cabina in spiaggia.
“Niente più menù da decidere il giorno prima, o orari fissi in cui mangiare, o luci spente nella sala da pranzo una volta sparecchiato – spiega il titolare Fabrizio -. Il nostro è un bed and breakfast dove chi vuole può trovare nel banco frigo piatti per il pranzo e per la cena. Può decidere se portarseli in spiaggia o consumarli al tavolo, da soli o insieme ad altri ospiti. Tutti gli spazi comuni sono sempre aperti per favorire la socialità”. L’impianto organizzato della pensione tradizionale è stato smaterializzato; la parola d’ordine: flessibilità. “In questo modo – aggiunge – abbiamo voluto unire il carattere familiare della ‘romagnolità’ ad uno sguardo innovativo”. La sala meeting con le poltrone che possono lasciare il posto a tavoli modulabili e le prese USB in camera permettono di accogliere professionisti di tutti i tipi. “Il lusso che offriamo è quello della flessibilità dello spazio e del tempo, in accordo con lo stile di vita contemporaneo”, spiega Nicola Delvecchio il quale, per la società di consulenza alberghiera Teamwork, si è occupato in prima persona della definizione del concept della struttura, “Qui ciascuno deve sentirsi se stesso e vivere come è abituato a fare a casa propria, senza le regole dei vecchi alberghi”.
Ma un modello del genere può funzionare nella vetusta Rivazzurra? “I clienti hanno sete di novità – prosegue -. Abbiamo aperto a giugno e da subito abbiamo ricevuto prenotazioni nonostante il sito internet non disponesse ancora di fotografie dell’albergo, ma solo della spiegazione del suo spirito. E le recensioni che sono arrivate dopo sono state ottime. Rivazzurra non è oggi una meta di grido, ma le persone sono disposte a venirci se trovano un prodotto che vale”.
Ma come finanziare una ristrutturazione simile? “Prima che l’hotel venisse rinnovato – risponde Fabbri, la cui famiglia è proprietaria dell’immobile dagli anni ’60 -, con quello che costava la manutenzione ordinaria, a fine anno non c’erano guadagni, e la struttura rimaneva ferma nel tempo. Tanto valeva usare quel denaro per rivoluzionare il tutto, e grazie a scelte oculate, a collaborazioni con aziende del territorio e alla scelta di prodotti a chilometro zero, ce l’abbiamo fatta”. Aggiunge Delvecchio: “Molti hotel di Rimini stanno ristrutturando, ma senza cambiare logica, con la cena servita fra le 19.30 e le 20. Per cui risultano nuovi, ma non innovativi. E c’è una bella differenza”.

Mirco Paganelli

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!