Il Ponte

Con Leonardo, una bellariese al Louvre

by

Vera Berardi, in arte “Vera Vera” (nella foto grande con alcuni dei suoi lavori), a soli 23 anni ha conquistato il Louvre con la sua opera scultorea dedicata a Leonardo Da Vinci. Il suo motto personale, dedicato ai giovani artisti, è: “Mai mollare: se vuoi puoi farlo, non abbiate paura di osare e se avete tanta paura abbiate più coraggio!”.
Lei ce l’ha fatta. Con la sua spontanea intraprendenza è arrivata ad esporre una sua scultura alla Fiera Internazionale d’Arte Contemporanea nelle sale del Carrousel du Louvre, tenutasi dal 18 al 20 ottobre scorso. L’opera (foto piccola), dal titolo #Vitruvio #Leo #LeonardoDaVinci, originale commistione tra antico e moderno, rappresenta un omaggio a Leonardo e più precisamente al suo Uomo Vitruviano. Sorretto da un’alta base di ferro, che ricorda in modo stilizzato gli antichi busti romani, è riprodotta la testa del Vitruvio con l’aggiunta di un elemento piuttosto originale e innovativo: una catena pendente dal petto della scultura, che trattiene un frammento di ingranaggio elettronico.

Vera, com’è sorta l’ispirazione della tua personale rivisitazione dell’Uomo Vitruviano?
“L’opera vuole essere un omaggio a Leonardo da Vinci nel suo 500esimo anniversario della morte, soprattutto per celebrarne il genio quale primo inventore di macchine complesse”. E infatti Vera ha fatto uso di una modernissima “macchina complessa”, come alleata, per realizzare la sua opera: Internet. “L’ispirazione è sorta proprio dall’utilizzo di Instagram (sua la pagina @veravera_art). Attraverso l’uso del social network Instagram ho invitato il pubblico a interagire con me, con una semplice richiesta: ‘Tell me words’ (ditemi parole) e l’immagine del mio Vitruvio. Ho così raccolto parole da tutto il mondo e di ogni genere, che poi ho impresso sul busto dell’opera tramite caratteri mobili”.

Qual è il messaggio intrinseco dell’opera?
“Con il mio personale Uomo Vitruviano ho voluto sollecitare il popolo di Internet a connettersi con me, a comunicare! Il mio intento, attraverso la mia opera, è infatti quello di indagare la comunicazione online e la creazione di contatti virtuali. Ho voluto raccogliere qualsiasi messaggio: dalle lingue straniere indecifrabili fino alle parole provocatorie che rimandano alla parte oscura e spesso pericolosa della Rete”.
A simboleggiare il “cuore virtuale” che pulsa più che mai e vive nel nostro secolo, è proprio l’ingranaggio che pende dalla scultura: trattasi simbolicamente del componente elettronico che connette il computer alla rete internet.

Come è arrivata l’occasione di poter esporre al Louvre?
“Dopo aver esposto a Barcellona all’interno dello spazio di Oblyon, le mie opere sono state notate dall’attuale curatrice del museo del Louvre che quindi mi ha contattata ed è venuta a conoscermi personalmente per valutare le mie creazioni. Per me, aver potuto partecipare ad una mostra di livello internazionale che ospitava ben 1.108 artisti da tutto il mondo in 58 Gallerie, è stata un’esperienza davvero stimolante!”.

Arte riflessiva che nasce dal vissuto e dalle tue esperienze.
“La mia arte vuole indagare il tema dell’identità e la sua mutazione costante all’interno della vita di ogni individuo nella società. Mi piace molto l’arte contemporanea e il tentativo di quest’ultima di comunicare con il pubblico. Quali sono i miei artisti di riferimento? Damien Hirst ma anche Louise Bourgeois”.

Ma come nasce un’artista? Quando e come è emersa la sua passione per l’arte?
“Sin da bambina mi divertivo tantissimo a ricostruire varie scenografie dei cartoni animati con l’utilizzo di colla e carta. Adoravo giocare con la pasta di sale, materiale plastico come il pongo o il didò. In più ho sempre avuto una passione sfrenata per i colori! Oggi porto avanti le stesse passioni con la scultura, la pittura, installazioni e performance artistiche”.

Bellaria Igea Marina, città natale di Vera Berardi, ha già notato il talento della sua giovane scultrice, e lo onora con l’installazione di alcune sue opere nella zona Borgata e sulla rotonda tra via Pinzon e S.Properzio (angolo Colonia Roma).
Fedele al suo motto, “mai mollare, siate coraggiosi”, Vera è un esempio di abilità, talento e coraggio creativo. Di progetti nel cassetto la giovane artista ne ha ancora tanti, ma non si svela. La promessa, però, è quella di abbellire ancora il mondo con la sua arte!
Giulia Mauro

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!