Il Ponte

Le cose belle prima si fanno e poi si pensano

by

Benedetta è la figlia sedicenne del sindaco di un paese dell’entroterra romagnolo. Il suo incontro con una casa famiglia appena arrivata in paese, in cui vivono tante persone dal passato difficile e desiderose di riscatto, è prima all’insegna della curiosità. La “strana” famiglia abita in un palazzo lasciato in eredità alla Comunità fondata da don Oreste Benzi. A dispetto di ogni convenzione sociale, Benedetta s’innamorerà del giovane ex carcerato Kevin (un giovanissimo Luigi Navarra, 20 anni, al suo esordio davanti alla macchina da presa) e condurrà lo spettatore in un viaggio all’interno della struttura. Tra sospetti, lacrime, risate e sgomberi, la ragazza scoprirà la bellezza dell’accoglienza e l’importanza della solidarietà.
Benedetta, Kevin e gli altri “abitanti” della casa famiglia sono i protagonisti di “Solo cose belle”, il film ispirato all’opera di don Oreste Benzi, nelle sale italiane dal 9 maggio. Anche il titolo è un omaggio al sacerdote con la tonaca lisa: “Le cose belle prima si fanno poi si pensano” soleva dire il don.
Il film è solo in apparenza leggero: racconta invece con sano realismo, lo svolgersi, per nulla semplice, della vita in una casa famiglia in un paese della provincia romagnola. La narrazione è gradevole e i 90 minuti della pellicola trascorrono veloci.
La produzione del film è un altro “miracolo”: è costata “solo” 450.000 euro, grazie al volontariato di tanti, anche professionisti, e alla presenza di 4-500 comparse.
Prodotto e distribuito da Coffee Time Film e da Sunset Produzioni, in associazione con le Cooperative: Comunità Papa Giovanni XXIII, La Fraternità e Il Calabrone, Solo cose belle ha ottenuto il finanziamento dell’Emilia-Romagna Film Commission e il contributo di diversi sponsor.
Di prestigio la location della sua anteprima: dopo la visione speciale in occasione della visita del presidente Mattarella a Rimini per i 50 anni della Papa Giovanni XXXI, la pellicola è stata presentata il 7 maggio al Senato della Repubblica, grazie anche al supporto ricevuto dalla Presidente Elisabetta Casellati.
Nel cast, oltre ai due protagonisti esordienti, Idamaria Recati e Luigi Navarra, anche tanti attori professionisti tra cui Giorgio Borghetti, Carlo Maria Rossi e Barbara Abbondanza. La sceneggiatura di Solo cose belle è firmata da Andrea Valagussa, autore di numerose fiction di successo delle ammiraglie Rai e Mediaset (Un medico in famiglia, Don Matteo, Che Dio ci aiuti e Distretto di Polizia) e da Filippo Brambilla, Marco Brambini, Andrea Calaresi, Susanna Ciucci, Matteo Lolletti e Kristian Gianfreda, il regista della pellicola, al suo primo lungometraggio.
Marco Brambini nella pellicola è il padre della casa famiglia: “Mi sono ispirato a due figure reali, due padri di casa famiglia che ho il piacere di conoscere”. Paure e pregiudizi? Alla fine rimangono solo cose belle che hanno affascinato gli attori. Ne è convinta anche Erica Zambelli: “Mi si è aperto un mondo di volontariato. Queste persone si impegnano e si mettono a servizio per il piacere di amare e di aiutare il prossimo: splendido”.
Solo cose belle nasce dalla lunga esperienza sul campo della Comunità Papa Giovanni XXIII e delle tante case famiglia dell’Associazione, che da anni lavorano per diffondere i valori dell’inclusione sociale e per combattere l’emarginazione sociale. Per questo, coerentemente con il tema del film, hanno lavorato alla pellicola, in scena o a supporto della produzione, sia attori professionisti del cinema, del teatro e della televisione, sia persone della Comunità e figure che hanno un’esperienza pregressa in case famiglia o in altri progetti sociali: ex carcerati, ex prostitute, ex tossicodipendenti ed ex senza fissa dimora, nonché alcuni ragazzi con disabilità.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!