Il Ponte

L’acqua zampilla ma basta sprechi

by

Acqua, anche l’erogazione cambia. E la Casina continuerà a zampillare chiara, fresca e limpida ma questa volta a pagamento. La “Casina dell’Acqua” di piazzale Risorgimento, all’ingresso del paese, dal 9 luglio cambia modalità: dopo 5 anni offerta gratuitamente, l’acqua naturale avrà un costo di 0,03 centesimi al litro. E dato che l’erogatore non prevede il resto, gli utenti potranno utilizzare la chiavetta magnetica già in uso e una scheda magnetica che Adriatica Acqua metterà in vendita presso la Tabaccheria Edicola Sapigni.
La decisione era nell’aria da mesi. Villa Verucchio era rimasta una zona franca e con un enorme utilizzo di acqua. Inaugurata nel maggio 2013, solo nel 2017 la casina ha erogato 344.000 lt di acqua naturale e 116.000 di gassata, quest’ultima al costo di 0,05 al lt. In media 1.264 litri al giorno con un risparmio per i cittadini rispetto all’acquisto di acque minerali in PET da 1,5 lt di 467.712 euro. “Verucchio, insieme a Santarcangelo e alla Casina di via Euterpe a Rimini, è tra le Casine che lavorano di più. – ammette Alberto Sebastiani di Adriatica Acqua – Da un paio di anni non rientravano più dai costi, anche le utenze sono a nostro carico. Inoltre, era necessario dare un segnale: calmierare lo spreco, ad esempio il lavaggio delle bottiglie o l’erogazione di un numero superiore di litri rispetto al consentito”.
Attualmente Adriatica Acqua gestisce 18 Casine dell’Acqua sulla provincia di Rimini (dalla Valconca a San Vito), più quella in territorio sammarinese di Acquaviva. Una novantina quelle gestite in Regione, ma la società si spinge anche nelle Marche, a Positano e in Veneto.
Oltre ad un piccolo incasso (al consumo attuale, circa 7.500 euro), si prevede una diminuzione di consumo, mentre le percentuali di liscia e gassata dovrebbero assestarsi sul 50%. “L’acqua naturale costerà ancora molto meno rispetto alla media. – aggiunge l’assessore ai Lavori Pubblici Luigi Dolci che ha seguito la trattativa insieme al sindaco Stefania Sabba – Inoltre, è bene dare un segnale contro lo spreco di un bene pubblico come l’acqua”.
Dall’accordo tra Comune malatestiano e Adriatica Acqua scaturiscono anche altre fresche novità: il contratto di gestione della Casina è stato accorciato di 1 anno (fino al 2021) mentre compariranno due erogatori targati Adriatica Acqua, uno in Comune e l’altro in Biblioteca. Dissetarsi sarà sempre più facile.

Paolo Guiducci

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!