Il Ponte

La “tartaruga” zampillerà

by

La voce si è sparsa alla velocità della luce, e non sembri un paradosso: che fine ha fatto la “tartaruga”? La fontana di piazza Malatesta, nel capoluogo malatestiano, chiamata appunto “tartaruga” non poteva passare inosservata.

La fontana è un simbolo del capoluogo malatestiano: il nome popolare, la “tartaruga” non attiene alla caratteristica forma del manufatto, piuttosto affonda le sue ragioni in una storia. Siamo negli anni Trenta: mentre il Monte Ugone era già dotato di acqua dell’acquedotto, la piazza ne era ancora sprovvista, e per indicare le lungaggini burocratiche che caratterizzarono l’arrivo della fontana al centro del paese, i verucchiesi la battezzarono “la tartaruga”.
Ora, quella “tartaruga” ha infilato le scarpe da tennis e se n’è andata? Oppure è stata rubata?

A tranquillizzare i residenti e i curiosi ci pensa l’assessore ai Lavori Pubblici. “I residenti possono stare sereni, non c’è alcun mistero né sparizione: – svela anche divertito Luigi Dolci – La fontana è stata ‘adottata’ dai Ci.Vi.Vo. per un restauro”.

L’intervento si è reso necessario a causa del basamento della fontana rotto: “La piazza è aperta al traffico, e capita che auto e mezzi di trasporto nel fare manovra urtino la fontana. – prosegue nella spiegazione Dolci – È accaduto così anche in questo caso”. I Ci.Vi.Vo. hanno dunque smontato la fontana per ricoverarla successivamente nel magazzino comunale di Villa Verucchio. Da una settimana circa sono al lavoro con polvere di marmo, cemento e silicone. Il costo per un restauro compiuto a regola d’arte dai quattro volontari sotto la guida e la direzione dell’architetto Giovanna Giuccioli, costerà in totale al Comune un centinaio di euro.

L’intervento è in fase di arrivo e nelle prossime settimana la fontana potrebbe tornare a vegliare piazza Malatesta, mentrìe le due pedane per l’ingresso di ufficio Iat e Sala Magnani, fracassate di sana pianta, sono state già restaurate dai Ci.Vi.Vo.

Un altro gruppo di volontari è invece al lavoro sul ponticello ligneo del cimitero, che era veramente in pessime condizioni. Seguiti dall’ingegnere del Comune, i volontari con lamiere (per ricoprire la parte superiore ed evitare infiltrazioni d’acqua), legname e vernici (800 euro di spesa circa), stanno portando a termine l’intervento, in tempo utile per la podistica del 1 novembre che passa proprio sopra il ponticello.

Nel capoluogo un altro gruppo è al lavoro per ripulire tutto bosco attorno alle scuole medie, per arrivare “puliti” all’inaugurazione dell’istituto al termine dell’importante intervento di messa in sicurezza.

“Nessuno di questi interventi è stato imposto dall’Amministrazione. – ci tiene a precisare l’assessore Dolci – I Ci.Vi.Vo. operano in completa autonomia. Osservano, scelgono gli interventi da portare a termine e ce lo comunicano. Il Comune provvede alle autorizzazioni necessarie e c’è confronto continuo, ma i Ci.Vi.Vo. operano in completa autonomia, non sono utilizzati in alternativa agli operai”.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!