Il Ponte

Una Sonnambula sullo schermo

by

Il capolavoro di Bellini proposto al Teatro delle Muse di Ancona in un nuovo allestimento di Cristian Taraborrelli con un cast tutto giovane  

ANCONA, 11 ottobre 2019 – Dietro l’apparenza di una favola innocente, La sonnambula cela numerose ombre e non pochi aspetti inquietanti. Con le sue tenui allusioni, il libretto di Felice Romani – che si rifaceva a fonti francesi – adombra, infatti, situazioni fra le più scabrose (se Amina fosse davvero figlia del Conte si potrebbe parlare d’incesto, seppure non consumato…). Sul versante musicale, le splendide melodie di Bellini – purtroppo talvolta trasformate in palestre per esibizionismi vocali, che le svuotano di ogni potenziale espressivo e drammatico – riescono a dar forma ai velati suggerimenti del libretto, mantenendo una cornice d’incontaminata eleganza, dietro la quale si scorgono però fremiti e inquietudini del tutto in linea con la grande stagione romantica da poco iniziata.

La sonnambula, Marco Ciaponi (Elvino), Isabel De Paoli (Teresa) – Ph Giorgio Pergolini

Opera assai popolare ma di non frequente rappresentazione, La sonnambula è stata proposta al Teatro delle Muse – come secondo titolo della stagione lirica di Ancona – in un nuovo allestimento di Cristian Taraborrelli, che firma regia e scene, mentre i costumi vagamente rétro sono di Angela Buscemi. Spettacolo oltremodo essenziale, con pochissimi oggetti scenici, dove un mucchio di sale è sufficiente a evocare il villaggio svizzero innevato in cui si svolge la vicenda, mentre una corda tesa suggerisce il pericoloso cammino intrapreso da Amina in stato di sonnambulismo. È però il sapiente uso di immagini filmiche, girate in bianco e nero da Fabio Massimo Iaquone – proiettate sul fondale – e capaci d’integrarsi perfettamente con il palcoscenico, a stabilire una stringente dialettica con i personaggi: i loro primi piani ne mettono a nudo i sentimenti, senza però mai cedere al didascalico o alla gratuità esornativa.

Alla radice di quest’opera c’è la patologia che affligge la protagonista: qualcosa di diverso dalla malattia psicologica destinata a sconfinare nella pazzia, e che tanta fortuna avrà in ambito operistico durante l’ottocento. All’epoca (siamo nel 1831) il sonnambulismo era già stato individuato come disturbo mentale: librettista e compositore erano perfettamente consapevoli della grande rendita teatrale che poteva offrire in palcoscenico. Purtroppo tale plasticità di resa difettava nell’ondivaga concertazione di Alessandro d’Agostini: tempi inizialmente lenti, poi più incalzanti, senza una reale definizione drammatica del fraseggio orchestrale. Né il direttore è riuscito a evitare occasionali sbandamenti d’intonazione e appiombo ritmico, nonostante l’impegno profuso dall’Orchestra Sinfonica Rossini, integrata da quella di Fiati d’Ancona.

Molto più a fuoco il contributo degli interpreti. Il soprano Veronica Granatiero possiede voce sottile e diafana, ma supplisce all’esiguità dei mezzi grazie a una notevole forza espressiva: disegna un’Amina adolescenziale, che ispira tenerezza ed empatia, raggiungendo una notevole intensità nella grande aria Ah! Non credea mirarti. Il tenore Marco Ciaponi ha affrontato con emissione scorrevole e scioltezza interpretativa la parte di Elvino, caratterizzando con efficacia quella immaturità affettiva che contraddistingue il personaggio. Con mezzi forse più baritonali che da basso, Alessandro Spina si è trovato a suo agio nella cabaletta del conte Rodolfo (pagina un tempo sempre tagliata), meno nei momenti più legati e cantabili. Vera sorpresa della serata, il soprano armeno Maria Saradaryan ha sfoggiato, nei panni di Lisa, un bel colore – la voce è sempre molto ben timbrata – e notevole sicurezza nei passaggi più virtuosistici. Apprezzabile anche Isabel De Paoli, il mezzosoprano cui è affidato il ruolo della molinara Teresa. Simpatico e accattivante l’Alessio del basso Giuseppe Toia, mentre il Coro Lirico Marchigiano Bellini (preparato da Davide Dellisanti) non è apparso sempre perfettamente appiombato.

Interpreti giovani per una serata che lascia una piacevole sensazione di freschezza, dove ogni imperfezione viene riassorbita. All’interno di uno spettacolo emozionante e mai banale.

Giulia Vannoni

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!