Il Ponte

La sfida alla disabilità che muove dall’amicizia

by

Carlo (nome di fantasia) è un ragazzo vittima di un grave incidente. Nell’impatto, devastante, ha perso l’uso degli arti. Con tanta riabilitazione e grazie ad una positiva determinazione, è tornato a muovere le gambe. Ma non è sufficiente per deambulare in maniera autosufficiente. Per il resto dei suoi giorni dovrà spostarsi con l’ausilio di una sedia a rotelle.
Federico, Roberto e Nicholas non sono rimasti indifferenti da quanto è accaduto. L’amicizia gli suggerisce di fare i conti con le necessità di Carlo.
Da questa amicizia è scaturita la domanda: “Come possiamo aiutare persone che a causa di una malattia genetica o di incidente non possono più camminare?”. Perché la vita, in carrozzina, cambia da un giorno all’altro. E va affrontata.
La sfida per vincere i limiti della disabilità si chiama Optical Wheelchair ed è una sedia a rotelle comandata dal movimento degli occhi e dalle espressioni facciali. Sono proprio loro, i tre studenti riminesi Federico Gualdi, Roberto Lucchisani e Nicholas Silvestri, ad inventarla.
Il progetto, con un software del tutto personalizzabile, nato sui banchi dell’Istituto Belluzzi – Da Vinci di Rimini e sviluppato grazia a FabLab Romagna, è diventato in pochi mesi un prospetto vincente, capace di aggiudicarsi concorsi e di finire in vetrine internazionali.
Dallo School Maker Day di Bologna al Meeting di Rimini, Optical Wheelchair (www.opticalwheelchair.com) ha catturato subito l’interesse di studiosi, aziende, onlus e associazioni. L’idea nata in seguito al grave incidente di cui è stato vittima l’amico, si è sviluppata grazie ad un intenso studio che ha portato alla creazione di un prototipo in scala ridotta. Una sedia a rotelle che si sposta col semplice movimento degli occhi o del volto.
La sfida alla disabilità dei 19enni riminesi (all’epoca studenti della classe V G – automazione) ha conquistato la giuria del Fast a Milano (“Giovani e le scienze”), che in premio li ha spediti in Brasile. A Novo Hamburgo hanno rappresentato l’Italia davanti ad una vasta platea di nazioni nel corso dell’esposizione “Mostratec”.
Il giovane team riminese si è poi aggiudicata anche il contest MakeToCare di Sanofi, dedicato alle soluzioni hi-tech per aiutare le persone con disabilità. La vittoria romana consentirà a Federico, Roberto e Nicholas di volare nella Silicon Valley per un’esperienza di conoscenza unica.
“Sostituendo soltanto un componente nel circuito elettronico si potrebbero movimentare motori molto più grandi. – spiega Federico Gualdi – Così si potrà restituire autonomia anche a pazienti tetraplegici”. E chissà che dal viaggio nella Silicon Valley non possano nascere importanti collaborazioni per trasformare il sogno di questi tre artigiani digitali in realtà.
L’obiettivo è chiaro: trovare i finanziamenti per realizzare il primo modello in scala 1:1.
Sviluppato sui banchi di FabLab Rimini sotto la guida dei docenti M. Conti e D. Montani,
“Il prototipo funziona, – assicura Roberto, attualmente rappresentante commerciale nel campo dell’automazione – tradurre modello in realtà necessita di un budget – tra brevetto, acquisizioni e procedure – di circa 10.000 euro”. Ma il kit che ne scaturirebbe, da implementare su tutte le sedie a rotelle, non supererebbe una spesa di 600 euro. Un costo più che abbordabile per una innovazione in grado di restituire autonomia anche a pazienti tetraplegici.
Gualdi e Silvestri attualmente studiano Ingegneria dell’Automazione all’università di Bologna. Assieme a Lucchisani, hanno in tasca il biglietto di andata e ritorno per la Silicon Valley. Dieci giorni tutto spesato nel prossimo aprile per visitare colossi come Apple ed Amazon, e parlare con dirigenti di aziende leader nel mondo. “Non ci credevamo, la vittoria nel contest romano e il relativo premio ci ha lasciato stupiti. Si prospetta una esperienza unica, sia dal punto di vista umano sia da quello professionale”.
La sedia a rotelle che si sposta col semplice movimento degli occhi o del volto per ora è solo un progetto, ma sono già in atto diversi contatti con aziende, onlus e associazioni interessate a finanziare questa sfida alla disabilità.

Paolo Guiducci

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!