Il Ponte

La pagina bianca e la luce

by

Quest’anno Ariminum ha esordito con un numero monografico dedicato alla Gambalunga, con l’intenzione di omaggiare doverosamente biblioteche e libri: s’intende proseguire nell’idea.

Per il volto di questo secondo numero del 2020 ho scelto un gran volume bianco affiancato da un altrettanto candido giglio; del dipinto, opera di Guercino, dedicata a sant’Antonio da Padova, si dirà in un breve scritto all’interno. Qui mi affido solo alla potenza estetica e simbolica dell’immagine. Nella quinta cupa e caliginosa di una visione mistica il libro appare senza scrittura: intatto, vuoto, incapace di dire l’evento misterioso che si sta manifestando accanto.

Mi è parso un segno efficace dell’attesa e del silenzio che ossessionano questi mesi terribili, i quali muteranno il mondo e la cui storia dovrà essere pensata da capo. Ho l’ingenuità di affidarmi ancora all’antico per pensare al futuro e immaginare una civiltà culturale cittadina che abbia saputo far tesoro di questi mesi di ritiramento forzato e di quiete imposta.

Non lo pretendo: anche per me è difficile leggere, studiare e scrivere: eppure ci sarebbe da augurarsi che il tempo sia passato attraverso molte letture, molto ascolto di sé e degli altri, riflettendo sul valore sociale e civico, non solo edonistico e commerciale dei saperi e delle arti. Guardando, perciò, alle nostre istituzioni culturali come a risorse irrinunciabili e sostanziali e pensando, infine, più al patrimonio comune (civile, ecclesiastico, museale, librario e cinematografico) meno all’invenzione di eventi effimeri e senza sostanza.

Un’amica mi ha fatto riflettere sul fatto che il giglio luminoso tra le dita di Antonio è simile a una penna con cui il libro potrà essere scritto e chiosato: un’immagine di pura bellezza. Il prologo del Vangelo di Giovanni ricorda che «La Luce splende nelle tenebre ma le tenebre non l’hanno accolta» (Gv. 1, 5); un’altra traduzione dice «non l’hanno sopraffatta». È ciò che ci si deve augurare.

Alessandro Giovanardi

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!