Il Ponte

La Madonna di Fatima torna a Rimini

by

Un evento di fede, attualità e profezia che ha caratterizzato l’intero XIX secolo. E ancora oggi non ha esaurito la sua importanza. Questo è stato il miracolo di Fatima, con le profezie che tanto indissolubilmente si sono legate al pontificato di Giovanni Paolo II. Fatima è diventata un culto, una devozione popolare capace di travalicare immediatamente i confini del Portogallo.
Quasi mezzo secolo fa (nel 1959 per la precisione) l’immagine della Madonna di Fatima fece la sua prima comparsa anche a Rimini, accolta proprio in Duomo. A distanza di quasi 50 anni, quella statua (ovvero la copia ufficiale, “rilasciata” dal Apostolato Mondiale di Fatima) torna nella Diocesi romagnola, ospitata nella parrocchia di Santa Giustina dal 4 al 10 maggio.
Si tratta di una settimana che si propone molta intensa, fatta di preghiera ma anche di incontri, testimonianze e liturgia. e di momenti culturali: due le mostre allestite del teatro parrocchiale e riguardanti il miracolo di Fatima.

Mostre e orari
La prima con documenti e foto d’epoca; la seconda dal titolo “Fatima nel cuore della storia” comprende anche un audiovisivo sulla vicenda dei tre pastorelli portoghesi.
Nel centro parrocchiale “Regina dell’Amore” sarà allestito anche una libreria con volumi e oggetti inerenti alla peregrinatio.
La chiesa (per info 0541/680122) invece aprirà alle 6.30 di ogni giorno e resterà aperta fino alle 23.30. In caso di veglia notturna per gruppi rimarrà sempre aperta. Quotidianamente, almeno un sacerdote sarà sempre a disposizione per quanto intendono confessarsi.

Il programma
Il programma della settimana di Fatima è intenso. Un vescovo, due monsignori, due importanti religiosi, il vaticanista del Tg1 sono alcuni degli ospiti che guideranno la comunità nella liturgia e nell’approfondimento.
L’arrivo della Madonnina è previsto in elicottero: il mezzo atterrerà nel parco della chiesa di S. Giustina – in mezzo alla folla sventolante fazzoletti bianchi – domenica 4 maggio alle ore 18, accolta dal vescovo di Rimini mons. Lambiasi, oltre ad autorità civili.
La celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo darà il via ad una settimana di preghiera: alle ore 7 recita delle Lodi, e poi S. Messa, rosario e adorazione eucaristica.
Lunedì 5 maggio alle ore 21, il vaticanista di Rai1 Giuseppe De Carli (e capo Rai Vaticano) terrà insieme con padre Kijas (rettore della Facoltà Seraficum di Roma) dedicata al rapporto tra il pontificato di Giovanni Paolo II e Fatima.
Dopo la Messa di mercoledì 7 maggio (ore 18) celebrata da padre Carlo Maria La borde(superiore di S. Giovanni Rotondo), seguirà la testimonianza di una miracolata.
Giovedì 8 maggio pomeriggio dedicato alle religiose della diocesi, alla presenza del vescovo Francesco, al quale seguirà alle 18 la Messa presieduta da mons. Bona, presidente dell’Apostolato Mondiale di Fatima.
La giornata finale (sabato 10 maggio) prevede la celebrazione finale con la fiaccolata per le vie della parrocchia alle ore 21. La Madonnina di Fatima partirà da Santa Giustina in elicottero, salutata (come al suo arrivo) da uno sventolio di fazzoletti bianchi.
Non è la prima volta che Santa Giustina accoglie immagini e testimonianze della religiosità popolare (più volte ha ospitato i resti di Santa Teresa di Lisieux). “La vicenda di Fatima ha segnato in modo indelebile il secolo scorso – spiega i motivi che l’hanno indotto ad organizzare questa accoglienza, il parroco don Giuseppe Scarpellinima la sua importanza è tutt’altro che tramontata. Da una parte il messaggio dei misteri si è concluso, dall’altra resta aperto perché il cuore immacolato di Maria non ha ancora trionfato. Non si tratta di favole, ma di eventi sui quali spesso papa Wojtyla e anche Benedetto XVI si sono attentamente soffermati”. E ancora oggi interrogano il cuore dell’uomo.

Paolo Guiducci

La Madonna di Fatima torna a Rimini

by

È il santuario mariano che con le Grazie si gioca il primo posto del più amato dai riminesi. È dedicato a Maria “Mater divinae gratiae”. Ha origini antichissime, il culto infatti risale al 1300, ma il suo grande sviluppo è dovuto alla fede e alle capacità organizzative di due fratelli sacerdoti, Pio e Tommaso Sanchini che all’inizio del secolo scorso diedero un nuovo, grande impulso.
Ed oggi, com’era ovvio che accadesse, la tecnologia è giunta anche in questo tradizionale luogo della fede. Da qualche giorno è infatti possibile seguire le sante Messe che si celebrano nel santuario dal sito internet www.santuariodibonora.it Le celebrazioni potranno essere seguite per ora solo in video, ma, presto, superato qualche piccolo inconveniente tecnico, anche in audio. “Anche i riminesi dispersi in tutto il mondo– ci dice il Rettore del Santuario don Ferruccio Cappuccini – potranno in qualunque momento del giorno e della notte aprire il loro computer e trovarsi immersi nel silenzio del santuario”. Naturalmente il nuovo sistema oltre alla connessione con internet offre anche una garanzia di sicurezza e controllo per questa chiesa isolata dal paese.
Don Ferruccio, quanta gente frequenta il Santuario?
“Un calcolo preciso è impossibile, ma guardando il numero delle comunioni distribuite, si possono, in rapporto, calcolare almeno 200.000 persone all’anno”.
Naturalmente il mese di maggio la fa da leone…
“Nel mese di maggio il santuario perde un po’ la sua caratteristica di luogo di tranquillità e pace… Si calcoli che soltanto le Messe programmate nei giorni festivi sono almeno 10, praticamente un flusso ininterrotto di pellegrini che vengono a pregare, confessarsi, comunicarsi dall’alba a tarda sera”.
Nel mese di maggio l’orario solito delle funzioni è il seguente: feriali: ore 16,30 recita del Rosario e Messa ore 17. Festivi: mattino Messe ore 7-8-9-10-11 – pomeriggio Messe ore 15-16-17-18.
È possibile confessarsi ogni giorno.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!