Il Ponte

La formazione? Quando è professionale… è una porta d’accesso nel mondo del lavoro

by

Gli studenti riminesi a scuola da Google per lanciarsi nel mondo del lavoro anche grazie ai cavalli del motore di ricerca. E quando la collaborazione con il mondo dell’impresa è virtuosa, le porte della professione si aprono più facilmente, come dimostrano i dati di Enaip: due studenti su tre trovano impiego.
Nessuno miracolo: si chiama invece Formazione IFTS, il corso che dopo 800 ore di formazione teorica e pratica, rilascia il diploma di Tecnico per la progettazione e sviluppo di applicazioni informatiche. Un titolo troppo lungo? Giorgia sarà più sintetica: “Le tecniche apprese ho cercato di applicarle alla realtà, soprattutto turistica del riminese“. Risultato: il tempo di diplomarsi, e Giorgia è già inserita con soddisfazione reciproca in azienda.
La scuola professionale è bistrattata e guardata spesso di sottecchi? Il corso dell’Enaip – attivo da oltre 15 anni – mette d’accordo formazione (l’Enaip, appunto), la scuola (l’Istituti I.S.I.S.S. Einaudi-Molari, presieduto dalla prof.ssa Maria Rosa Pasini), il mondo del lavoro (le aziende partner) e l’università (la Scuola di Ingegneria e Architettura dell’Università di Bologna, con Marco Prandini professore delegato dal presidente della scuola a partecipare alle attività del Corso). Il Corso, che si dipana su 800 ore, compreso lo stage aziendale e il project work, ovvero una simulazione, è gratuito (grazie al cofinanziamento del Fondo Sociale Europeo e della Regione Emilia-Romagna) e aperto a occupati e disoccupati, anche non diplomati, purché in possesso delle competenze necessarie. 28 anni l’età media dei partecipanti dell’ultimo anno (Rif. PA 2017-7537/RER- Approvata con DGR n. 953 del 28/06/2017). “La novità è rappresentata dalla presenza complessiva di sette ragazze. – è soddisfatta Erika Ricci, 38 anni, la coordinatrice – La maggior parte dei partecipanti aveva tra i 21 e i 30 anni (10) ma ben quattro erano persone più adulte tra i 41 i 49 anni”. Molti docenti sono titolari di aziende o collaborano con imprese del territorio, partner attuatrici come Silicom Engineering e Soluzione Software. La simulazione è uno degli aspetti più intriganti del corso. Da 30 ore nel 2017, quest’anno sono aumentate a 50. Una di queste è stata commissionata da Simple Networks. Si tratta di un’applicazione in wordpress per la prenotazione di parchi giochi. Il secondo riguardava un’applicazione online per la consegna di cibo a domicilio. Un sistema per pizzerie, gelaterie, ristoranti, pasticcerie, sushi. In ogni caso, i progetti elaborati durante il Corso “sono sempre legati al territorio e ai suoi bisogni, – assicura il presidente della Fondazione Enaip, Vittorio Betti – una curvatura rispetto ai fabbisogni del riminese”.

Simulazioni e viaggi all’estero sono coerenti con il percorso di studio, non semplici appendici, per quanto divertenti. La squadra accolta a Dublino per tre giorni da Google era formata da dodici studenti e tre accompagnatori. Tra questi Andres Antolini, docente ed esperto della riminese Marketing Informatico, partner attuatrice del corso e “affiliata” di Google. “Siamo stati accolti da Cristina e Matteo, italiani che lavorano a Dublino hanno guidato il gruppo nel tour degli uffici di Google”. Un’esperienza formativa di alto livello: osservare l’organizzazione di una delle più importanti aziende del mondo, è una bella opportunità.
Per la verità, non è la prima volta che il Corso Enaip espatria a caccia di suggestioni nel mondo del lavoro. Nel 2017, l’approdo è stato la sede di Düsseldorf di Trivago. Adriano Ferracuti, un ragazzo originario delle Marche, ha accolto e accompagnato il gruppo formato da 13 studenti e due accompagnatori su e giù per i piani dell’imponente palazzo sede del motore di ricerca, e all’interno di un mondo che vuole la persona protagonista. “Una cucina per piano, nessun cartellino, responsabilità e forti motivazioni personali, spazi ricreativi: l’azienda è accogliente e stimolante anche dal punto di vista architettonico e delle offerte interne per i dipendenti”. Il contatto con Trivago è stato agevolato da un docente della Scuola di Ingegneria e Architettura di Bologna, partner attuatore del corso.

Anche gli stage aziendali sono importanti trampolini di lancio. E non di rado si incontra in quei frangenti qualche ragazzo del corso precedente. “Due ragazzi su tre trovano un impiego al termine del corso. – snocciola con soddisfazione i numeri, Erika Ricci – E in qualche caso c’è chi si inserisce in azienda persino durante le 800 ore”. Il doppio impegno non è uno scherzo. Ma c’è chi ha le spalle larghe, altro che bamboccioni. Giulia è una ragazza di Bologna. Alla sera lavorava in un locale, al mattino saliva sul treno, sui banchi per il Corso e di ritorno sotto le Due Torri riprendeva l’occupazione nel locale. E senza mai perdere lezioni.
Il clima è ottimo, le prospettive reali. Il fatto che le stesse aziende chiedano ad Enaip una preselezione per un’eventuale assunzione, testimonia la serietà e l’affidabilità del corso.

Paolo Guiducci

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!