Il Ponte

La comunità contro la violenza

by

Quando le forze dell’ordine fanno irruzione nel covo del boss di Cosa Nostra Pietro Aglieri, uno dei mandanti delle stragi di Capaci e via D’Amelio, trovano una piccola cappella privata. Aglieri è uno dei più noti esempi di un rapporto complesso e drammatico tra mafia e fede. Sul tema mafia per tanti anni la chiesa siciliana è stata la chiesa del silenzio; poi nel 1982, nell’omelia per i funerali di Carlo Alberto Dalla Chiesa, il cardinale Salvatore Pappalardo lancia un grido disperato per Palermo, assediata dalla mafia; nel 1993, dopo le stragi di Capaci e di via D’Amelio, c’è il dies irae di Giovanni Paolo II ad Agrigento si rivolge duramente ai mafiosi e li invita a convertirsi. L’omelia di Papa Francesco sulla “spianata di Sibari” (21 giugno 2014) è una pietra miliare della spiritualità cristiana. L’anatema lanciato da Francesco “agli operatori del male”, è una scomunica a tutti coloro i quali producono qualsiasi forma di male. Una rivoluzione pronunciata nella regione simbolo della ‘ndrangheta. Un crescendo che nasce da una coscienza sempre più forte che la lotta alle mafie è certamente anche una questione ecclesiale. Il cambiamento? È in quella via che associa storia e profezia, fede e giustizia. La Chiesa ha compreso che l’impegno contro le mafie e la mentalità mafiosa nasce anzitutto dalla capacità di vivere il Vangelo come concreta presenza nel territorio. Perché la violenza mafiosa si vince solo con la forza della comunità. Don Puglisi e don Diana erano parroci, impegnati soprattutto nell’educazione dei giovani, nel creare una coscienza diversa. Don Ciotti li ha ricordati a Locri denunciando il rischio di ridurli a “santini”. “Don Puglisi – ha detto – non si è chinato di fronte a nessuno al di là di tutte quelle etichette che ci appiccicano, come prete antimafia, prete antidroga e che impoveriscono la complessità di una vita e la normalità di un’azione pastorale”.
“Tutti coloro che, in qualsiasi modo deliberatamente, fanno parte della mafia o ad essa aderiscono o pongono atti di connivenza con essa, sono e vivono in insanabile opposizione al Vangelo di Gesù Cristo”. A rimarcare il concetto sono stati i vescovi della Conferenza Episcopale Siciliana nel giorno in cui Papa Francesco inviava un messaggio ai familiari delle vittime innocenti delle mafie radunati a Locri per la Giornata della memoria e dell’impegno di Libera (e che ha vissuto a Rimini il suo appuntamento regionale). Il Pontefice ha esortato senza mezzi termini “la comunità cristiana e civile ad impegnarsi sempre più nella costruzione di una società giusta, libera dai condizionamenti malavitosi e pacifica dove siano tutelati dagli organi competenti le persone oneste e il bene comune”.

Giovanni  Tonelli

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!