Il Ponte

Il riscatto di Colette

by

Dietro al popolare ciclo di romanzi di Claudine ci sta Willy, anzi, no, Colette: è lei, infatti, la vera autrice dei quattro libri del ciclo di Claudine, una donna sposata con un marito romanziere (Willy appunto) mancante del talento necessario per portare a termine un’opera letteraria. Grazie alla fervida penna della consorte, tutta la Parigi della Belle Epoque legge avidamente i romanzi con protagonista Claudine e la trasforma in un vero e proprio fenomeno di costume, con tanto di moda (il vestito e il taglio di capelli) e merchandising, tra saponette e caramelle Claudine, al seguito.

La storia di Colette e del suo percorso di emancipazione che la portò a diventare protagonista assoluta del suo tempo, recuperando anche il suo status di autrice, è nel film di Wash Westmoreland, l’autore di Still Alice, impegnato in un affresco d’epoca elegante e piuttosto vivace, con al centro il complesso rapporto tra la scrittrice (la interpreta con piglio sicuro Keira Knightley) e il consorte “Willy” (Dominic West).

Di Colette incrociamo nel film l’abilità narrativa, ma anche la spregiudicatezza e la volontà di rompere con le rigide consuetudini dell’epoca, creando scandalo, ma andando avanti a testa bassa, forte di convinzioni che la portarono pure a calcare i palcoscenici teatrali. Emancipata provocatrice, poco in sintonia con le femministe del tempo, Colette ha lasciato numerose opere letterarie (tra i romanzi c’è anche Chéri, trasformato in film da Stephen Frears) e nella “sua” Claudine, per anni creduta creatura letteraria del marito, bramoso di fama e successo, incapace di offrire il giusto spazio alla sua dolce metà, cavalcando i pregiudizi di scarsa fortuna commerciale per le opere scritte da donne, e alla fine ricondotta nelle mani della sua abile creatrice.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!