Il Ponte

I Crabs si collegano con Fastweb

by

La Copsette chiude la regular season con una sconfitta, ma raggiunge ugualmente i play-off. L’Harem Scafati impedisce ai Crabs di cogliere la loro ottava vittoria in trasferta e per la verità i campani non hanno faticato neppure troppo ad avere ragione dei riminesi scesi al Palamangano senza De Pol, Zanus e con Kesicki febbricitante. Sperare di vincere con queste premesse era sinceramente impossibile anche se la Coopsette che ha giocato l’intero incontro in pratica senza i due americani apparsi neanche parenti di quelli ammirati appena otto giorni prima, ha tenuto il campo con dignità perché sotto quasi sempre, anche di 15, nell’ultimo quarto si è avvicinata ai padroni di casa (57-59) per poi cedere (73-65).
Archiviata la sconfitta, l’ultima giornata ha stabilito la griglia di partenza per gli imminenti play-off. Fatti i complimenti alla Cimberio Varese che battendo nello scontro diretto la sua più immediata inseguitrice, la Prima Veroli, si è guadagnata la promozione in A1, la Coopsette chiude in settima posizione: un risultato quasi incredibile considerando che l’inizio stagione era iniziato malissimo, con i Crabs in piena zona retrocessione per un mesetto, almeno fino al cambio in panchina con l’esonero di Galli e l’arrivo di Sacco che ha ribaltato come un calzino la squadra riminese portandola fino a questo settimo (insperato) posto. Posto che farà incrociare i Crabs con la Fastweb Casale (giunta quarta) con gara1 che si giocherà domenica 3 maggio. Giusto il tempo di rifiatare un attimo e martedì 5 sarà ancora scontro al “Ferraris” di Casale Monferrato, poi tutti in Riviera dove si scenderà sulle asse del “105 Stadium”, venerdì 8 con possibilità di tornarci 48 ore più tardi. Se le due squadre dovessero essere ancora in situazione di parità, tutto si rimanderebbe a gara5, quella del dentro o fuori, che è in programma nuovamente in terra piemontese, mercoledì 13.
Intanto la società di via Dante dopo aver rispedito a casa il brasiliano Da Rocha, ha scelto la nuova pedina che vestirà la maglia biancorossa fino alla fine della stagione. Si tratta dell’italo-argentino Sebastian Cacciola (nella foto). Nato a Quilmes, il 19 agosto del 1982, Cacciola è un’ala-pivot di 2 metri 07 centimetri.
“Me ne hanno parlato bene sia Ario Costa sia Piero Bucchi – commenta il general manager dei granchietti, Renzo Vecchiato – è il giocatore che cercavamo, serio e di sostanza”.

Pier Luigi Celli

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!