Il Ponte

Gli animali fantastici strizzano gli occhi a Hogwarts

by

C’è anche il ritorno ad Hogwarts in questo secondo episodio di Animali fantastici che riunisce il tandem composto dal regista David Yates (che si occuperà di tutti e cinque gli episodi della serie) e la scrittrice e sceneggiatrice J.K.Rowlings, la “mamma” del mago più famoso nel mondo. Per i fans del mondo magico di Harry Potter, l’apparizione della scuola magica e del preside Albus Silente (lo interpreta in maniera elegante il convincente Jude Law) è sicuramente un bel tuffo emotivo, ma Potter è ben lontano dall’apparire, visto che gli eventi di Animali fantastici si svolgono settant’anni prima. Qui c’è, come nel primo film, il mago Newt Scamander (Eddie Redmayne) con le sue formidabili creature, impegnato assieme ai suoi preziosi alleati, tra i quali l’Auror Tina (Katherine Waterston) a combattere il letale Grindenwald (Johnny Depp), deciso a portare caos e morte nel mondo. Di mezzo c’è anche il giovane e confuso Credence (Ezra Miller), ignaro delle sue origini e fornito di incredibili poteri.

Rivelazioni e sorprese disseminate lungo l’arco della seconda storia che porta questo nuovo ciclo verso tonalità più “scure” e adulte e sembra voler mettere da parte Scamander a scapito del malvagio Grindenwald, ma il premio Oscar Eddie Redmayne si comporta comunque a dovere nel ruolo del timido cacciatore di bestie fantastiche disseminate, pur in misura minore rispetto al primo film, nello sviluppo della vicenda. Qui siamo in una puntata di passaggio ma il marchio Rowlings continua a garantire fantasia e magia a profusione e il pubblico non sta certo con le mani in mano (vedi gli incassi corposi già registrati).

Oltre ad Hogwarts, i preparatissimi appassionati del mondo di Harry Potter troveranno abbondanti riferimenti a personaggi e situazioni presenti nei sette libri (e otto film) del mago.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!