Il Ponte

Giovani e startup: Rimini può dare di più!

by

start-ap

Nell’ultimo anno la provincia di Rimini ha perso circa mille aziende e per la prima volta il numero totale è sceso sotto quota 35mila. Meno aziende spesso vuol dire meno opportunità di  lavoro. Problema non secondario in un territorio che ufficialmente conta 15mila disoccupati, ma conteggiando gli scoraggiati e i giovani che emigrano (un paio di centinaio l’anno) sicuramente sono molto di più. Poi ci sono 65mila persone, che pur avendo un’età per lavorare (15-64 anni), risultano inattive. Qualcuno probabilmente è fermo per scelta, ma per tanti cittadini ciò avviene per mancanza di opportunità.
Purtroppo, delle mille aziende scomparse,  seicento erano guidate da giovani sotto i 35 anni, che ancora una volta finiscono per ritrovarsi tra i più penalizzati. Si parla – è avvenuto anche di recente durante la manifestazione Rimini Wake Hub – di startup, cioè di nuove imprese il più delle volte promosse da giovani, che mettono a frutto ricerche fatte all’Università o in qualche Laboratorio, oltre alle passioni personali. A parte l’uso disinvolto di questo termine, che dovrebbe ricorrere solo quando la nuova impresa inventa e mette in produzione un bene o servizio che prima non esisteva (aprire un bar, per quanto innovativo, non vuol dire avviare una startup!), anche su questo fronte Rimini è in ritardo nel contesto regionale. Sono arrivate a 43 le startup classificabili come “innovative”: erano 8 fino a tre anni fa quindi qualche miglioramento c’è stato, ma Rimini rimane comunque terzultima nella classifica regionale, superando solo Piacenza e Ferrara.
Avviare un’attività: che impresa! Le semplificazioni introdotte dai vari Governi stanno aiutando, ma avviare una impresa, in questo Paese, rimane ancora un cammino irto di ostacoli. Anche quando il volume d’affari è solo di qualche decina di migliaia di euro.
Dopo gli adempimenti, la seconda difficoltà riguarda la  mancanza di finanziamenti. Secondo uno studio dell’Università di Bologna e di Aster, 9 volte su 10 le startup possono nascere solo con i soldi di genitori, nonni e zii (quando a disposizione). Familiari e amici hanno un peso anche nel finanziare le imprese nella famosa Silicon Valley (Stati Uniti), ma con percentuali decisamente più ridotte.
Mancano all’appello le banche, che dovrebbero trasferire i risparmi raccolti in progetti imprenditoriali validi, per alimentare così la crescita dell’economia. A volte basterebbe anche poco. Secondo un’indagine dell’Università Bocconi, le imprese giovani che ricevono finanziamenti bancari superiori a 20mila euro raggiungono la dimensione di PMI (Piccole Medie  Imprese) nei successivi tre anni. Cosa che accade più raramente se il finanziamento viene negato.
Ricerca e innovazione. Sono altri ingredienti fondamentali per la crescita di un’economia ma anche qui Rimini non brilla. Se, infatti, l’investimento medio di un’impresa innovativa, in provincia, è di 41mila euro, in Emilia Romagna si sale a 114 mila euro. Quasi tre volte di più.
Spesso si attendono i bandi europei, gestiti dalla Regione, ma non è raro rimanere a mani vuote. Come è capitato per i finanziamenti dedicati alla ricerca e sviluppo, del programma Horizon 2020-SME Instrument, destinati alle PMI: su 37 aziende finanziate in Emilia Romagna nel 2014-2015, nessuna aveva sede a Rimini, ma ben 21 sono di Bologna (dove, guarda caso, c’è la maggiore concentrazione, anche grazie all’Università, dell’attività di ricerca).
È andata un po’ meglio, per le imprese della provincia di Rimini, con  il Bando per progetti di ricerca e sviluppo delle imprese promosso dalla Regione: sono riuscite ad ottenere finanziamenti sei imprese, una nel settore Edilizia e costruzioni, una per Industrie culturali e creative ed altre quattro in altri settori.

Primo Silvestri

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!