Il Ponte

Giovani e Buone Notizie

by

C’è stato un giorno nella settimana passata che i telefoni de il Ponte hanno squillato a vuoto per tante ore. Tutta la redazione (compresi grafici e amministratori) era infatti “in ritiro” per la messa a punto del programma del prossimo anno. È un appuntamento che normalmente precede la giornata de il Ponte del 19 novembre. Il “metodo sinodale”, così voluto e ricercato oggi, non è nuovo al settimanale, che da sempre, dai tempi di don Terenzi, sceglie di elaborare insieme analisi e prospettive sul cammino fatto e da fare. Superato il 40° anno di vita, record assoluto fra i giornali riminesi, ci si avvia verso il mezzo secolo, ma con la grinta e la freschezza di un ventenne. Molte sono le novità in cantiere. Solo di alcune però svelerò ora i programmi.
La prima riguarda il pubblico giovanile, che molti ritengono perso per la carta stampata, immerso com’è ormai oggi nella Rete. In realtà i giovani leggono poco, perché di loro si scrivono solo stereotipi e soprattutto perché chi lo fa non usa più i loro linguaggi. Ecco dunque la scommessa. Andiamo a resuscitare il PonteGiò supplemento nato tanti anni fa, in occasione dell’Assemblea Chiesa e Giovani del 1979 (!). Strumento allora rivoluzionario e anticipatore, che ci diede anche qualche grattacapo con i benpensanti, perché esplicito nel dare voce ai giovani, alle loro difficoltà e a volte alle loro povertà. Il progetto è simile (pur nella differenza degli strumenti di oggi), perché sarà una redazione di soli giovani a gestirlo e si metterà al servizio del cammino diocesano del “Sinodo”, proprio nel momento in cui sceglie di “ascoltare” i giovani, ma per davvero.
In questa prospettiva PonteGiò può diventare un importante strumento anche per la scuola e gli insegnanti che interpretano il loro ruolo non solo come trasmettitori di nozioni, ma come educatori.
Altra linea su cui lavorare è la ricerca delle Buone Notizie, quella bella rubrica che noi titoliamo, da sempre, “Nonsolonera”. Lo sponsor principale di questo spazio è il Vescovo che normalmente utilizza le storie che raccogliamo e ci spinge a trovarne altre, sempre di nuove, di belle, di vere. Ha ragione lui. Con il clima che ci troviamo a vivere, in cui i violenti alzano ogni giorno la voce, sarà bene contrapporre e “far rumore” col bene, con ciò che costruisce. Se la foresta che cresce fa meno chiasso dell’albero che cade, bene, ci impegnamo a far l’opposto. Si chiama speranza e ne abbiamo bisogno tutti. A tutti e ciascuno dei nostri lettori chiediamo di aiutarci a dare visibilità a questo impegno, facendo conoscere e apprezzare il nostro lavoro ai tanti che ancora lo ignorano.

Giovanni Tonelli

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!