Il Ponte

“Food in tour”, turisti a caccia di esperienze in Romagna

by

food-in-tourFood in Tour è un consorzio riccionese che muove turisti, soprattutto stranieri, in tutta la regione. A caccia di tartufi, come tra i vigneti, per cimentarsi con la vendemmia. E ora ha in serbo un reality con l’Australia

Destinazione Romagna, ma anche Emilia: un consorzio riccionese riunisce la regione in un’unica meta per le vacanze, tra mare e prodotti tipici. Food in Tour è il consorzio nato circa tre anni fa da Costa Hotels con l’obiettivo di rispondere alla crescente domanda del mercato di vacanze esperienziali, che permettano di vivere situazioni di vita quotidiana e a contatto con le abitudini locali.

Bruno Bernabei è il Presidente di Food in Tour: “Come Costa Hotels ci siamo accorti che mancava una realtà che proponesse la Romagna come destinazione di vacanza, abbiamo pensato di creare qualcosa che potesse dare una giusta risposta a questa richiesta del mercato del turismo, così è nato Food in Tour. Il primo anno abbiamo lavorato al disciplinare del consorzio e alle certificazioni, cercando le strutture più idonee a entrare a farvi parte. In Riviera abbiamo scelto hotel a 4 stelle, nell’entroterra resort, tenute e aziende agricole. Grazie alla Legge regionale 4/2016 ora esiste ufficialmente la destinazione Romagna: quando abbiamo iniziato a lavorare a questo progetto si era ancora lontani da questo traguardo, ma ci abbiamo creduto molto e ora si iniziano a vedere i primi risultati”.

Il vostro consorzio che tipo di target ha? Quali sono i turisti che scelgono le vostre esperienze?
“Con Food in Tour ci rivolgiamo soprattutto a turisti stranieri, europei ma anche extraeuropei come canadesi e israeliani. Si tratta di persone che hanno un’ottima capacità di spesa, soggiornano dai 7 giorni in su e ricercano la tipicità italiana. Lavoriamo come tour operator con le agenzie viaggi alle quali proponiamo idee da poter abbinare in pacchetti da offrire e personalizzare per il cliente. Le esperienze che organizziamo sono tante: Contadino per un giorno, Tartufaio per un giorno, Gelato e Cappuccino masterclass, raccolta delle olive, vendemmia, visite nelle sedi e nei musei Lamborghini, Ferrari, Parmigiano Reggiano… Le opzioni sono tante e i tour sono tutti organizzati da noi in prima persona”.

Come si svolge un’esperienza tipo con Food in tour?
“Sia che sia stata acquistata tramite un’agenzia, il che è indicato per i gruppi, sia che sia stata acquistata direttamente online sul nostro sito, per singoli o piccoli gruppi, l’esperienza inizia appena si arriva in aeroporto o in stazione. La particolarità della nostra offerta è la figura del Buddy: più di una guida, un vero e proprio Cicerone, una persona che va ad accogliere i turisti al loro arrivo e li accompagna nelle attività, come un amico del posto. Abbiamo voluto che questa figura fosse familiare e facciamo una formazione specifica perché sia davvero così. Una volta accolte, le persone godono del loro tour cimentandosi in prima persona in corsi di cucina locale, degustazioni, visite in cantina e attività sportive come il golf”.

Quante persone hanno scelto la vostra realtà ad oggi e qual è l’esperienza più richiesta?
“Facendo una stima posso dire che molto probabilmente chiuderemo il 2017 con circa 9mila presenze e siamo al terzo anno, di cui il primo è stato solo organizzativo. L’esperienza tra le più richieste è sicuramente Tartufaio per un giorno che facciamo a Sant’Agata Feltria dove portiamo le persone a caccia di tartufi nei boschi e poi in azienda o al ristorante, con pernotto in strutture locali. Piace molto ai canadesi e in generale ai turisti d’Oltreoceano”.

Possiamo quindi dire che il turista dell’immediato futuro, se non del presente, non è più continentale?
“Certamente, quello che molti non hanno ancora capito nel nostro territorio è che il turista che viene da paesi come Canada, Stati Uniti, Israele o Australia non ha alcun problema a spostarsi da Rimini a Bologna durante uno stesso viaggio. Spesso sceglie di pernottare in Riviera per godere del mare, per poi dedicare giornate alle visite alternate a giornate di relax. Si tratta di turisti con ottima capacità di spesa come ho detto, e che amano andare alla scoperta del territorio ad ampio raggio. Grazie alle nostre collaborazioni con varie realtà emiliane riusciamo a far viaggiare le persone in regione, questo perché noi portiamo persone da loro e loro ne portano da noi, in una sinergia vincente”.

Quanti soci avete al momento e qual è l’organizzazione?
“Ad oggi abbiamo 20 soci del Food in Tour e 25 di Costa Hotels che è il consorzio dedicato maggiormente al mercato italiano. Come da regola abbiamo anche la nostra agenzia viaggi, Mare Collina Tour Travel. Lo staff di Food in Tour è di 6 persone più i nostri Buddy e le guide certificate di cui ci avvaliamo per le visite. Ovviamente Food in Tour è un marchio registrato e abbiamo voluto che lo fosse anche al di fuori dei confini nazionali”.

Quale sarà la prossima idea che vi vedrà protagonisti?
“Se tutto va bene a breve verremo coinvolti da una emittente australiana in un reality che vedrà protagoniste le nostre esperienze come Contadino per un giorno”.

Melania Rinaldini

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!