Il Ponte

Feudalesimo 3.0

by

A leggere sui social network nelle settimane prima, uno si immagina le elezioni come un’esplosione di feudalesimo moderno dove i nobili di alto rango, ovvero i candidati a sindaco, sono sostenuti nella battaglia dalle classi immediatamente sottostanti nella scala gerarchica, i candidati consiglieri (non chiedetemi di vassalli valvassori ecc… che non li ho mai imparati in ordine). E poi sotto tutti gli altri a contribuire in ordine sparso con i loro post a screditare l’inimico. Poi uno si trova per lavoro la sera della spoglio in un comune dell’entroterra e invece della tensione palpabile si ritrova in un clima deliziosamente tranquillo: nella piazza principale davanti al Municipio ci sono quattro ragazzi a guardare video scemotti sui telefonini e un gatto che entra e esce da un cantiere. Nei seggi c’é vita, certo, e quando il risultato è certo i cavalieri della sala del Consiglio si radunano per i doverosi, ma contenuti festeggiamenti. Poi davanti alla sede elettorale degli sconfitti passa un gruppetto di vincitori: un saluto sornionamente beffardo ma finisce lì e ben presto torna il silenzio. Tutti a casa a lucidare le armi per la prossima pugna. Lance, scudi e frecce? Nel feudalesimo 3.0 basta la freccetta del mouse.

Il Caffè Scorretto di Maurizio Ceccarini

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!