Il Ponte

Il FAI sceglie Santarcangelo

by

Salvare è mantenere, questo quanto recentemente ribadito dal professor Andrea Carandini, dal 2013 Presidente del FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano). E tutti noi abbiamo la possibilità, nel prossimo fine settimana, di aiutare a mantenere, e quindi a salvare, siti e beni preziosi semplicemente visitando uno degli oltre 650 luoghi aperti in occasione delle Giornate FAI d’Autunno.

Quest’anno, la delegazione FAI di Rimini ha scelto – come meta per la nostra provincia – Santarcangelo di Romagna. Due sono le aperture straordinarie che attendono appassionati e curiosi: la Rocca Malatestiana (nella foto) e il seicentesco Mangano, situato all’interno dell’antica Stamperia Marchi.
Visitare questi luoghi è un’occasione per tutti per godere di bellezze che pochi altri Paesi possono vantare e – soprattutto – per sostenere il FAI, che aiuta le Istituzioni pubbliche a salvare e difendere questo nostro patrimonio. Partecipando a queste giornate straordinarie e aiutando, quindi, il FAI, potremo contribuire personalmente a far sì che mai più si ripetano tragedie come lo sfondamento del soffitto della chiesa di San Giuseppe dei Falegnami a Roma, lo scorso 30 agosto, o il crollo del ponte di Genova.

Sono di Alberto Bonisoli, Ministro dei beni e delle attività culturali, queste parole: “Grazie al FAI per quello che fa. Questa ottima iniziativa coinvolge tutto il territorio nazionale, aprendo luoghi normalmente non accessibili, per fare in modo che i cittadini possano toccare con mano e avere esperienza diretta del patrimonio. Grazie a Carandini per aver posto l’attenzione sulla manutenzione”.

È quindi il momento di segnarsi l’appuntamento in agenda: domenica 14 ottobre (9,30 – 12,30 e 14,30 – 18,30) approfittiamo di questa importante occasione. La Rocca Malatestiana, edificata nella seconda metà del 1300 da Carlo Malatesta, attende gli ospiti in cima al colle Giove; il tradizionale Mangano per la follatura dei tessuti, invece, aspetta i visitatori in via C. Battisti, in una delle più caratteristiche strade del borgo clementino (è previsto, per l’ingresso nei due siti, un contributo di pochi euro a persona che verranno devoluti al FAI).

Una chance da sfruttare, quindi, che siamo certi lascerà addosso a chi ne coglierà l’occasione quel certo “nonsoché” che stimolerà la voglia di approfondimento e di conoscenza di patrimoni a noi vicini ma, troppo spesso, sconosciuti.
Roberta Tamburini

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!