Il Ponte

Europei, un riscatto da Titani

by


Chi aspettava un riscatto dai Titani non è rimasto deluso. Anzi, la risposta dei ragazzi di coach Padovano è stata anche più sonante di quel che si immaginava. E’ vero, Solopa – il miglior giocatore della Moldova, 44 punti il giorno prima con Gibilterra – era ai box infortunato, ma la gara dei Sammarinesi è stata di valore, intensa in difesa e più attenta e ordinata in attacco, dove capitan Raschi (nella foto mentre dà il cinque a G. Ugolini e Botteghi) ancora una volta ha fatto il capitano con 20 punti.
Vincere significava restare in corsa per un posto in semifinale, perdere abbandonare ogni speranza di medaglia. Per la seconda giornata dei Campionati Europei per Piccoli Stati coach Padovano non cambia, stesso starting five della gara d’esordio con la Norvegia: Macina, Raschi, Liberti, Biordi e Botteghi.
Il primo canestro dell’incontro lo segna Biordi ed è l’unico nei primi 2′ di gioco. San Marino chiude tutto in difesa, ma pasticcia in attacco e non riesce a prendere margine: partita non bella con tanti errori da un parte e dall’altra. Quattro punti consecutivi di capitan Raschi portano i Titani sull’8-5, subito dopo il primo ed unico sorpasso moldavo con una tripla di Melniciuc. I biancoazzurri dietro sono ermetici e cominciano anche a correre bene dopo rimbalzi o palle recuperate: un gioco da tre punti di Liberti ed un contropiede di Macina costringono il coach moldavo a chiamare time-out sul primo consistente allungo dei Titani, 13-5 dopo poco più di 5’ di gioco. Una tripla di Biordi consente di allargare ulteriormente la forbice e se il divario non assume contorni ancora più netti è solo grazie ad un paio di canestri pesanti ,che permettono agli ospiti di non affondare. San Marino tocca il massimo vantaggio, 26-12, grazie a sei punti consecutivi, canestro più libero aggiuntivo ed una tripla, del solito Raschi. La Moldova, eccezion fatta per qualche “goal” da fuori non crea grattacapi alla difesa sammarinese ed il quarto si chiude sul +11, 26-15. Coach Padovano riesce a ruotare tutti i suoi giocatori senza perdere intensità ed efficacia ed anzi è proprio ad inizio secondo quarto, con buona parte del quintetto iniziale a sedere, che i Titani spaccano la partita: Zanotti, Pietro Ugolini e l’esordiente Micevic, non al top ma efficacissimo (6 punti), sono determinanti nel firmare un parziale di 13-0 che vale il 39-15 a 5′ dal riposo. San Marino non si ferma più, all’intervallo la partita  è saldamente in mano ai beniamini di casa, avanti 50-24.
I biancoazzurri cominciano la ripresa da dove avevano lasciato: un 4-0 di mini-parziale vale addirittura il +30, 54-24. La Moldova segna l’ennesima tripla, poi, di nuovo, è solo San Marino: difesa, corsa e tantissimi rimbalzi d’attacco – 23 alla fine – spingono i Titani oltre i 40 punti di vantaggio. All’ultima pausa sul tabellone è impresso un clamoroso 76-29, preludio ad un quarto quarto di garbage time. I 10′ finali sono un bel palcoscenico per i più giovani, con il 2001 Felici a segno con 8 punti. Finisce 98-54 tra gli applausi del pubblico.
“Abbiamo messo insieme una grande partita per intensità difensiva e determinazione. – è chiaramente soddisfatto coach Padovano – È chiaro che l’assenza di Solopa, che ieri ne aveva fatti 44, per noi è stata un vantaggio. In ogni caso i ragazzi sono stati bravi a non concedere mai nulla. Gibilterra? Sarà una partita difficilissima, oggi in alcuni tratti di gara hanno dato del filo da torcere alla Norvegia e mi sembrano proprio una squadra quadrata ed esperta. Per vincere dovremo fare una grande gara”.
Per Matteo Botteghi è stata decisiva l’intensità riversata in campo: “Con la Moldova abbiamo messo in campo subito la giusta aggressività: sapevamo cosa avremmo dovuto fare in campo e l’abbiamo fatto, migliorando rispetto alla partita del primo giorno, Non c’era Solopa, è vero, ma noi tutti abbiamo risposto bene, anche i ragazzi più giovani. Con Gibilterra non vediamo l’ora di giocare, sarà una partita dura ma ce la metteremo tutta per qualificarci alla semifinale”.
Giovedì 28 giugno, il match con Gibilterra che vale il secondo posto nel girone e dunque l’accesso alle semifinali. Palla a due alle ore 20.00 al Multieventi Sport Domus.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!