Il Ponte

Droga, spaccio e alcol: in Centro è allarme rosso

by

Un bollettino di guerra quotidiano. Solo che, invece di essere al fronte, il teatro delle scorribande è il Centro città e alcuni spazi verdi, in modo particolare il parco Cervi. Non passa giorno che quotidiani e siti on line non scrivano di arresti o di atti sconsiderati. Un mesetto fa, per esempio, a finire nel mirino dei teppisti, è stata la piccola veranda de «La Bussola», in via Sigismondo. Vetri rotti, sedie divelte, tavolini ribaltati e le solite scritte utilizzando lo spray. Una zona che purtroppo non è nuova a questi fatti. La piazzetta antistante la chiesa di Sant’Agostino è spesso ricovero di ubriachi che fanno di tutto. Ne sa qualcosa il proprietario dell’edicola che ogni giorno, quando arriva alle prime luci dell’alba, è costretto a tirare su di tutto. Stesso discorso per il Rione Montecavallo dove i residenti non ne possono più di risse, droga, alcol e degrado. “A parte lo spaccio a tutte le ore del giorno, guardate i muri delle case, – dice arrabbiato il proprietario di un esercizio commerciale – non ce n’è uno bianco: tutti imbrattati. È uno schifo! Per non parlare degli ubriachi che vengono qui a fare i loro bisogni”.
Altra zona «calda» è quelle delle cantinette. Sui banchi, e nei dintorni, della Vecchia Pescheria accade di tutto. Ma qui, il Comune, sembra aver già trovato la soluzione: obbligare i locali a dotarsi di vigilantes. “Quello che succede al di fuori dei pubblici esercizi è anche responsabilità dei gestori – conferma l’assessore alla Sicurezza Jamil Sadegholvaad – si sta quindi valutando di far dotare i locali di una vigilanza privata, come hanno fatto alcuni bagnini quest’estate. I problemi ci sono, ma sono quelli di tutte le città universitarie: abbiamo 5mila studenti che a una certa ora, dopo aver studiato, escono e vanno in giro”.
C’è poi l’allarme parchi. Molti spazi verdi della città sono utilizzati per acquistare e vendere droga. Il parco Cervi, per esempio, è una «piazza» molto ambita. Ogni giorno vengono fatte decine e decine di segnalazioni. Anche per i balordi che frequentano l’area verde: soprattutto dall’Arco d’Augusto fino alla stazione. “Con i figli provo ad avventurarmi in bici nel parco – è sconsolato un avvocato riminese – ma la sensazione è di essere indesiderati”.

“I nostri figli – rilancia un gruppo di genitori – frequentano le scuole medie Panzini. Abitando a Marina centro, fare il parco, in bici, per loro è l’ideale. Purtroppo, però, siamo sempre in pensiero e diciamo loro di percorrerlo sempre in compagnia. Lo scorso anno, per esempio, mia figlia che aveva 11 anni, è tornata in lacrime perché un uomo le aveva detto qualcosa e poi aveva finto di inseguirla”. Questo di giorno, figurarsi la sera. “Da qualche tempo andiamo a correre con alcune amiche – dice Monica – ma dal parco è impossibile passare. Ed è un vero peccato perché arrivare fino al Palacongressi e tornare indietro sarebbe splendido”.
Anche qui il Comune sembra aver trovato una soluzione: aumentare i controlli. “La situazione la conosciamo bene, nel caso del parco Cervi, in buona parte, sono profughi africani che sono stati identificati e lo stesso si sta facendo con quelli del mercato coperto che questuano. – sottolineano da Palazzo Garampi – Abbiamo chiesto alle cooperative che li accolgono di controllarli maggiormente”. Sadegholvaad è duro: “Fosse per me a chi commette un reato andrebbe tolto il permesso di soggiorno e rimpatriato”.
Con la speranza che le misure prese, e che verranno prese, servano a migliorare la situazione.

Francesco Barone

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!