Il Ponte

Coopsette, devi arrivare… Prima

by

Doveva essere il derby della verità. Doveva dire se questa Coopsette poteva davvero puntare ai play-off o se si doveva accontentare di vivacchiare. Beh, la risposta è stata chiara: Rimini deve pensare soprattutto a guardarsi le spalle. Perché con Imola è arrivata una sconfitta meritata, in una delle peggiori gare di questo campionato. Sì dirà: “è difficile vincere contro una squadra che tira con il 61% da tre e che ha in campo Bunn e Riley capaci di segnare 56 punti sui 91 totali dell’Aget”. Vero, ma se i Crabs avessero tirato solo un po’ meglio dalla lunga distanza e non con un desolante 26%, se sotto le plance si fosse sgomitato di più (27 rimbalzi Imola, 17 Rimini) e se Scarone e soprattutto Goss avessero giocato una partita appena sufficiente, le cose sarebbero finite in altro modo.
Il derby è stato agonisticamente valido ma tecnicamente povero, con ben 48 palle perse, ed equilibrato fino alle battute finali. Il primo quarto è terminato 27-26, il secondo 47 pari, ancora parità nel terzo (66-66). Poi l’Aget si è dimostrata infallibile in attacco al contrario dei Crabs, che si sono affidati ad affrettate conclusioni oppure a tiri decisamente imprecisi. Unico a salvarsi nel grigiore generale (allenatore compreso), il giovane Kesicki (nella foto Gallini), autore di 17 punti in 34 minuti per un buon 24 di valutazione. McCray invece è rimasto in campo 34’, suo record.
Ora il campionato si ferma per la disputa delle Final Four di Coppa Italia. La sosta giunge a proposito per la Coopsette. I Crabs torneranno in campo nel Lazio contro la Prima Veroli (impegnata in Coppa con Varese, R. Emilia e Soresina) che in casa ha vinto 8 volte su 11 segnando in media 80 punti. All’andata vinse Veroli, ma nessuno in LegaDue sorride in trasferta come Rimini: sei vittorie su 11.

Pier Luigi Celli

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!