Il Ponte

Commercio, in sette anni persi oltre 1200 negozi

by

Commercio – Il bilancio delle tre province romagnole dal 2010 al primo trimestre 2017. Si stima la perdita di oltre 3.600 posti di lavoro. E per i grandi Iper e supermercati non è andata meglio: se ne è andata più della metà.

Nel 2016, secondo il Rapporto 2016 sull’economia regionale di Unioncamere, la spesa per consumi finali delle famiglie emiliano-romagnole sarebbe aumentata (+1,5%), ma su ritmi più lenti rispetto alla crescita dell’1,8% del 2015. Per l’anno in corso (2017) si prevede una crescita dei consumi regionali dell’1,2%; spesa che li riporterà, se tutto andrà bene, ai livelli pre- crisi. Cosa vuol dire tutto questo? Che per un decennio le famiglie non hanno avuto un euro in più da spendere. Questo, come è facile immaginare, ha avuto conseguenze sulla rete commerciale di tutte le province. Rimini, dal 2010 al primo trimestre 2017, ha perso, tra ingrosso e dettaglio, 356 attività commerciali, Forlì-Cesena 445, Ravenna 401. In totale, le tre province della Romagna hanno lasciato sul terreno 1.202 attività commerciali, in poco meno di sette anni. Nel resto d’Italia è andata anche peggio. Ad una media, per la Romagna, di tre addetti per attività, vuol dire che sono andati persi 3.606 posti di lavoro. Dal 2008, quando è scoppiata la crisi, ancora di più. For- se, qualcuno, è andato in pensione, ma tanti sono rima- sti senza lavoro.

La grande distribuzione organizzata non sta meglio. Nel periodo 2010-2015, le grandi strutture con superficie di vendita (alimentari e non) superiore a 2.500 mq. sono scese da 8 a 3 in provincia di Rimini, da 12 a 6 a Forlì-Cesena e da 7 a 4 a Ravenna. Hanno perso ancora di più i supermercati (da 400 a 2500 mq. di superficie vendibile) che si sono più che dimezzati in tutte le province della Romagna.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!