Il Ponte

Cinecittà – Woody Allen, dramma vestito da commedia

by

Woody Allen celebra nel suo ultimo film (e lui è già al lavoro sul prossimo con Kate Winslet protagonista) l’era “dorata” e glamour della “Café Society”, spostandosi tra Hollywood e New York, negli anni ’30, tra divi del cinema, ricconi, playboy, ma anche gangster (la dark side del periodo), scandali e gossip. Nel bel mezzo di tutto questo, sostenuto dalla musica jazz del tempo (da Benny Goodman a Count Basie) affiancata da selezioni del songbook di Rodgers & Hart, ci piomba il giovane Bobby (Jesse Eisenberg), stufo del lavoro paterno e desideroso di nuove esperienze nella mecca del cinema. Lo zio (Steve Ca- rell), potente agente cinematografico, lo aiuta offrendogli piccole mansioni e tra star e lustrini il ragazzotto finisce per innamorarsi della segretaria Veronica (Kristen Stewart) che però non è esattamente un “cuore libero”. Affranto dalle delusioni, Bobby ritorna a New York e si costruisce una posizione nel lussuoso locale del fratello, ma i ricordi della vita a Los Angeles non sono facili da cancellare.

Illuminato con grazia da Vittorio Storaro, il nuovo film di Allen è un distillato piacevole dall’aria retrò tra battute ben innestate e sprazzi malinconici dosati con cura, in un continuo rincorrersi di citazioni cinefile (al cinema Bobby e Ve- ronica vanno a vedere The Woman in Red, ma i riferimenti all’epoca d’oro hollywoodiana sono molteplici) e un gusto vintage molto curato ma non nostalgico, con uno spirito e una vitalità irresistibili, alla faccia di chi pensa che Allen sia una sterile ripetizione di se stesso. È vero nel caso dei titoli di testa e di coda (uguali da anni, con gli stessi caratteri bianchi su sfondo nero), ma i film di Allen rappresentano il più delle volte (come in questo caso) boccate d’aria salubri, scritte, dirette e recitate come si deve.

Il Cinecittà di Paolo Pagliarani

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!