Il Ponte

Cinecittà – Ondoso racconto di formazione: da cavalcare

by

Tradizione e modernità in casa Disney. Per la classicità ci pensano i veterani John Musker e Ron Clements, gli stessi de La Sirenetta e Aladdin (ovvero tappe fondamentali del “rinascimento” disneyano), per il rinnovo ecco la figura determinante del produttore John Lasseter e la tecnica CGI. Per Oceania (Moana in originale) ci si tuffa nell’Oceano Pacifico in compagnia di Vaiana, la nuova eroina più propensa all’avventura che a cercarsi il Principe Azzurro (questa volta assente…), dotata di spirito emancipato e capace di varcare la proibita soglia del reef per riportare il suo popolo all’antica arte della navigazione. Per far questo però c’è da riportare una gemma in un’isola, gemma strappata a suo tempo dal semidio Maui, per i popoli del pacifico una divinità responsabile della creazione delle Hawaii, qui compagno “mutaforma” di Vaiana, un po’ saccente e pieno di sé, con tatuaggi mobili che fungono da voce della coscienza, in un contrasto di personalità che offre scontri spiritosi e successiva comprensione e alleanza.
Racconto di formazione e crescita, storia di relazioni e legami famigliari e recupero delle radici e della storia di un popolo, Oceania offre profondità e divertimento nell’elaborare una vicenda che tocca molti aspetti e che è stata costruita nel massimo rispetto, con tanto di pool di esperti, delle tradizioni e delle credenze delle comunità autoctone del Pacifico.
In questo prodotto Disney non potevano mancare le canzoni: qui ce ne sono di interessanti, tra le composizioni di Lin-Manuel Miranda (l’uomo nuovo del musical di Broadway, suo il grande successo di “Hamilton”) e le note folkloristiche di Opetaia Foa’ì al quale si devono le liriche in lingua nativa, il tutto mescolato dal compositore-produttore Mark Mancina.

Il Cinecittà di Paolo Pagliarani

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!