Il Ponte

Cinecittà – Manchester by the sea, dolore e “riparazione”

by

La Manchester del titolo è quella in Massachussets, USA, nota per gli scorci marini e la tranquillità evocata dal paesaggio, più volte utilizzata come location cinematografica. Qui si consuma l’intimo dramma di Lee (Casey Affleck, per il suo ruolo ha vinto un Golden Globe e una nomination all’Oscar), costretto a trasferirsi per la morte del fratello (Kyle Chandler) che ha lasciato un figlio adolescente (Lucas Hedges, bravo nel tratteggio del suo personaggio). La vita di Lee non è semplice: in alcuni flash-back scopriamo il suo tragico passato, ma il giovane è costretto a fare i conti con l’inatteso affidamento del nipote.
Dal regista di Conta su di me ecco un racconto dolente che si muove con stile essenziale e minimale (come molto cinema indipendente Usa) per delineare la storia di un protagonista che vive alla giornata (ripara guasti in alcuni palazzi, ma l’impiego non gli va a genio, ed ha un carattere non facile) e deve confrontarsi con se stesso e con chi gli ruota attorno, compresa l’ex moglie (Michelle Williams che offre alcuni minuti di commovente sincerità in un dialogo con l’ex consorte da groppo in gola).
Film prettamente “invernale” e non solo per la prolungata presenza di neve, ma per l’umore generale di un uomo chiuso nel suo silenzio, nel suo senso di colpa, nella sua solitudine e nel suo dolore, con scatti di rabbia improvvisi e la difficoltà di accettare le “novità”.
Manchester by the sea è storia di fragilità e di difficoltà nel procedere su strade diverse di vita e anche se delineato su tempi cinematografici piuttosto pacati, offre momenti toccanti nell’elaborare il tortuoso percorso di un personaggio che cerca con difficoltà di “riparare” il suo vissuto. E chissà che lo sveglio nipote non sia una chiave di svolta.

Il Cinecittà di Paolo Pagliarani

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!