Il Ponte

Cinecittà – La La Land, l’amore a passo di musical

by

Imbottigliati nel traffico, sotto il sole caldo di Los Angeles, che si fa? Fuori dall’auto per ballare e cantare… Il folgorante inizio di La La Land, il nuovo film di Damien Chazelle, ci trasporta immediatamente in un musical a tutti gli effetti, con omaggi sentiti all’arte dei film “ballerini” (da Les Parapluies de Cherbourg a Spettacolo di varietà, Cantando sotto la pioggia, a Un americano a Parigi) e al cinema in generale ( Gioventù bruciata in primis). Chazelle muove i suoi due protagonisti (Emma Stone e Ryan Gosling, bravi e molto professionali nell’apprendere movimenti coreografici che eseguono con verve e freschezza) nelle strade dei sogni da realizzare: Mia, aspirante attrice, Sebastian pianista jazz desideroso di aprire un locale tutto suo. Negli anni ’50, periodo in cui il musical era destinato a un pubblico in cerca di storie rassicuranti, l’happy end era d’obbligo. Oggi il sogno si confronta con le scelte della vita, non sempre indirizzate verso i propri desideri. Così questo scintillante e coinvolgente film in glorioso formato Cinemascope passa con disinvoltura dal cielo alla terra, da un romantico “passo a due” notturno a un provino andato male, da un successo raccolto ad un insuccesso frustrante, con i numeri musicali di piacevole fattura, dove si insinuano om- bre malinconiche che raccontano di un sempre minore interesse verso il jazz, verso il cinema, verso l’arte. La banalità rischia di soffocarci, la mediocrità ci assale? La La Land è allora un toccasana perché si può ancora cantare per le strade, sognare ad occhi aperti e tentare un passo di danza sotto le stelle.

Nel cast figura pure il cantante John Legend, nel ruolo di musicista coinvolto da Sebastian in una band di successo. Il film è bellissimo. E se il musical proprio non vi va a genio, amici come prima.

Il Cinecittà di Paolo Pagliarani

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!