Il Ponte

“Chiamati” … a servire

by

corso-ministri

Oltre cento partecipanti. Un soleggiato pomeriggio. In Seminario.
È così che, domenica 26 febbraio, è iniziato ufficialmente il cammino di formazione per oltre 70 candidati al ministero di accolito, lettore e a quello Straordinario della Comunione.
Dopo l’iniziale momento di preghiera, una bella e intensa riflessione del vescovo Francesco, “chiamati a servire”, ha aperto i lavori dell’assemblea per questa “nuova partenza”.
Nuovo è il cammino di formazione. Nuovo è lo stile di questo percorso che vede il coinvolgimento e il protagonismo delle Parrocchie e delle Zone Pastorali. Nuovo è il passaggio da una formazione ai ministeri svolta in “centro” Diocesi, ad una più articolata, elaborata e realizzata tra le Parrocchie e le  Zone Pastorali.
Nuovo anche il percorso per i ministeri elaborato dalla Commissione formazione dell’Ufficio diocesano di Pastorale in collaborazione con l’Istituto Superiore di Scienze Religiose. Certamente non mancheranno le iniziative o i momenti organizzati dall’Ufficio Liturgico Diocesano, l’aiuto diretto alle realtà ecclesiali che lo chiedessero, nè gli inviti a partecipare a quanto già da anni è consolidato in Diocesi (incontri dei ministri, Settimana Biblica, ecc.).
Dopo anni di corsi consolidati, già strutturati e indubbiamente efficaci, questa nuova via potrebbe suscitare qualche giustificata perplessità e qualche timore.
In realtà, per tutta la Comunità diocesana è invece un indispensabile passo in avanti nella corresponsabilità, non solo all’interno delle singole Comunità, ma anche tra le Comunità e la Diocesi e tra le Comunità stesse: ogni ministero esige una corresponsabilità che prima di essere presente nei singoli, deve esercitarsi tra le stesse comunità e nella Diocesi.
Quest’ultimo esige inoltre di essere accompagnato da una formazione pertinente e continua, radicata prima di tutto nella preghiera, nella fedeltà ai sacramenti, nell’attenzione agli ultimi e sostenuta dallo studio, dall’approfondimento personale, da una crescita insieme umana e culturale.
In una chiesa “da campo”, destinata alle “periferie esistenziali”, si richiedono operatori preparati e pronti a “rendere ragione della fede”. Per dirla diversamente con le parole del nostro Vescovo: si richiedono operatori che siano degli evangelizzatori, trovati  “colpevoli di cristianesimo”.

Gli stessi convenuti hanno riconosciuto la necessità, per un servizio che è primariamente destinato all’evangelizzazione degli ambiti di vita quotidiana (famiglia, lavoro, dolore, bisogni, ecc.), nonché all’animazione liturgica delle Comunità che li hanno “scelti”, di una formazione incisiva, che vada a sostenere ed approfondire il discernimento vocazionale sul proprio essere cristiano, prima, e sul proprio ministero poi. La mole di lavoro impressiona, così come l’avvicinarsi alle stanze del dolore e della morte crea incertezze e ansia. Tuttavia, quanto emerso dai “laboratori” di Domenica scorsa, da  un’intensa formazione teologica, spirituale, pastorale e umana non si può più prescindere.

Oltre ai candidati, sono stati convocati all’incontro i referenti dei ministri e della liturgia delle Parrocchie e delle Zone pastorali. Dopo la preghiera con e per i candidati ai ministeri, hanno poi condiviso con loro la presentazione del progetto formativo e hanno avuto occasione di meglio comprendere il loro servizio di “rete” tra i ministri, per i quali sono punti di riferimento, e l’Ufficio Liturgico Diocesano.
In vista di un rilancio dei Gruppi liturgici delle Parrocchie/Zone pastorali, essi saranno certamente una figura-chiave e ancora di più potranno favorire la conoscenza e la corresponsabilità tra i Parroci e i ministri, e tra questi e le diverse Comunità vicine.

Con una citazione di Tagore, lasciataci dal Vescovo alla fine del suo intervento, l’augurio che il Signore benedica il cammino dei futuri ministri e l’impegno delle Comunità che li accompagneranno nella loro formazione:
“sognavo e vidi che la vita era gioia / mi svegliai e vidi che la vita era servizio / volli servire e vidi che il servizio era la gioia”.

Ufficio Liturgico Diocesano
uld@diocesi.rimini.it

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!