Il Ponte

IL CARTELLINO DEL 9 APRILE 2018

by

Rosso
alla Rimini calcio. Chiede all’Imolese la disponibilità a posticipare il big match alle 20.30 di giovedì santo. La squadra avversaria dice di sì, ma alla fine salta tutto tra le proteste dei tifosi biancorossi. Tifosi che si presentano sotto la Questura puntando il dito contro chi non ha dato il permesso per giocare in notturna. Peccato che dagli uffici competenti venga spiegato che nessuno aveva avanzato una richiesta. E così la società ha dovuto fare un comunicato dicendo che “per motivi tecnico-organizzativi la gara non si è potuta posticipare”.

Azzurro
al bello del calcio. È successo tutto a Venaus, nel torinese, dove si stava disputando la partita tra la squadra locale e il Lascaris, per la categoria Esordienti 2006. I bambini in campo sono 9 contro 9 e non c’è ancora un arbitro, il suo ruolo lo ricopre un dirigente. Dagli spalti, il padre di un bambino della squadra ospite inizia a insultare tutti incitando alla violenza: “spaccagli le gambe”. Alla fine la partita – stava vincendo il Lascaris 2-0 – è stata sospesa e il Venaus ha deciso di ritirare tutta la squadra perché la situazione era diventata insostenibile. Chissà se avranno pensato di rimandare a casa il genitore con in testa il cappello del somaro.

Rosso
al limbo in cui è precipitato il progetto delle piscine Acqua Arena. Nei giorni scorsi è stato inaugurato il supermercato, ma dello specchio d’acqua non si sa più nulla. I lavori erano partiti, ma si sono interrotti in autunno dopo che è fallita Axia, società capofila del gruppo di aziende che aveva vinto il bando. In questi giorni si saprà se ci sarà un nuovo bando o se il Comune prenderà in mano la situazione. Una cosa è certa: l’inaugurazione slitterà a fine 2019. Una brutta storia.

Beppe Autuori

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!