Il Ponte

Carnage

by

Per Alan Cowan, brillante avvocato con il cellulare perennemente attivo, l’unico dio a cui credere oggi è “il dio del massacro”. Così si chiama la pièce teatrale della brillante Yasmina Reza commediografa che riempie i teatri di tutto il mondo. Da Il dio del massacro Roman Polanski (con sceneggiatura della stessa Reza e sua) ha tratto il film Carnage(carneficina) che se non ha vinto a Venezia, poco ci mancava, visto l’entusiasmo che ha scatenato.
Alan Cowan (Christoph Waltz) è uno dei quattro personaggi che per 79 minuti si massacrano psicologicamente in un appartamento di New York: gli altri tre sono la sua bella moglie Nancy (Kate Winslet) e la coppia formata da Michael e Penelope Longstreet (John C.Reilly e Jodie Foster). Sono tutti lì per risolvere pacificamente la questione del litigio tra i rispettivi figli, con uno che ha fatto saltare due denti all’altro. Pacificamente? Hai voglia ad offrire torta e caffè: per il quartetto si prepara uno scontro di civiltà senza via di uscita (e infatti da quell’appartamento non si esce…).
Carnage è un sintomatico esempio di fragilità contemporanea, con nervi che saltano, piagnistei per i “cari” oggetti del nostro inquieto vivere (il cellulare per Alan, la borsetta per Nancy, i libri d’arte per Penelope), vomito, incazzature, sicurezze che crollano, odio che aumenta, il tutto condito da sarcasmo, antipatia ed astio. E i “veleni” escono fuori a più non posso in quell’appartamento sul parco, parco dove tutto è iniziato e dove tutto finirà, con la scelta per Polanski di non essere troppo pessimistico e, a differenza del testo teatrale, di concedere una speranza. Ma solo per le nuove generazioni: gli adulti sono irrecuperabili.
Bravissimo Polanski a gestire un vivace film da “camera” definendo in modo eccelso le inquadrature, giocando mirabilmente con lo spazio e con il tempo e utilizzando in modo egregio il quartetto di attori.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!