Il Ponte

Artisti in Piazza, Pennabilli 2018

by


Cosa raccoglie in un’unica esperienza musica, teatro, nouveau cirque, danza e clownerie? La risposta è, da molti anni a questa parte, sempre la stessa: Artisti in Piazza – Festival Internazionale di Arti Performative. Giunta ormai alla 22esima edizione e organizzata dall’associazione culturale Ultimo Punto, la rassegna avrà anche quest’anno, come palcoscenico, la suggestiva cornice del borgo di Pennabilli, in piena tradizione. Da cerchiare le date sul calendario: dal 14 al 17 giugno. Un evento completamente immersivo: 50 le compagnie presenti, provenienti da tutto il mondo, a esibirsi in 27 punti spettacolo dislocati in tutti gli angoli del centro storico di Pennabilli, oltre agli Chapitaux dell’area Palacirco. Il tutto realizzando un fitto programma di spettacoli che arriva a circa 400 repliche a edizione, con debutti nazionali e internazionali, in grado di attirare spettatori entusiasti da tutta Europa (per informazioni e programma completo: www.artistiinpiazza.com). Risultato? 40mila le presenze ad ogni edizione della rassegna. Con una particolarità: l’anteprima all’edizione 2018 del festival è affidata al Cirque Bidon, tra le compagnie che maggiormente hanno contribuito alla nascita del circo contemporaneo, che fa il proprio debutto a Pennabilli con la nuova produzione Entrez dans la danse!, dal 11 al 16 giugno. 
Tra i tanti spettacoli della rassegna (prezzo d’ingresso: giovedì 8 euro; venerdì, sabato e domenica 12 euro) si segnala lo spettacolo di teatro urbano della compagnia francese Rara Woulib, che dai primi di maggio collabora con il coro amatoriale di Pennabilli “CCTP – Canta che ti passa” per lo spettacolo itinerante Bizangos, al debutto nazionale. Torna, inoltre, ad Artisti in Piazza Claire Ducreux, la cui idea per il suo ultimo progetto Silencis è nata proprio a Pennabilli nel 2015, quando fu ospite del ciliegio dell’Orto dei Frutti Dimenticati, creazione del Maestro Tonino Guerra. Il suo linguaggio artistico personale unisce tre diverse forme d’arte: danza, teatro fisico e clownerie.
Non solo artisti, però. Tanti gli spazi riservati ai bambini: torna, infatti, AUGH! Giornalisti con la Penna, redazione di bambini e ragazzi che aggiornerà quotidianamente il pubblico con gli avvenimenti del festival. Un progetto promosso in collaborazione con l’associazione Chiocciola la casa del nomade e ValmaRadio.
Ultima novità dell’edizione 2018 sono i cosiddetti “Pop Up Hotel”, giunti a Pennabilli da un’innovativa idea nata in Inghilterra: camere d’albergo itineranti e temporanee, realizzate con grandi e comode tende, che saranno presenti per tutta la durata della rassegna. 
Quella di Artisti in Piazza – commenta il sindaco Andrea Gnassi – è una realtà che incrocia il mio vissuto personale di figura pubblica, ma che stimo profondamente a prescindere da esso: lo apprezzavo prima e sicuramente lo farò dopo il mio mandato. È una rassegna come ce ne sono poche, una vera e propria mosca bianca, e questo è tutto merito delle persone che faticano per idearla, organizzarla e diffonderla. Un piccolo capolavoro per il quale, parlando di Rimini, va ragionato, perché le dinamiche di Rimini e Pennabilli sono molto diverse. Però, quest’anno, forse un punto di contatto tra la costa e il borgo c’è: dal 19 al 30 giugno, infatti, il Cirque Bidon, che prima si esibisce a Pennabilli nel contesto del festival, scende letteralmente il Marecchia per arrivare a Rimini a esibirsi sulla Piazza sull’acqua del Ponte di Tiberio. Una bella metafora: il borgo e la costa si uniscono seguendo il corso naturale del fiume che arriva al mare. E lo fanno nel segno dello spettacolo itinerante, nel pieno stile di Artisti in Piazza. Speriamo che sia solo il primo contatto di un rapporto più stabile. Chissà…”. 
Simone Santini

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!