Il Ponte

Alzheimer: ecco lo Scaramaz Cafè

by

Si chiama Scaramaz Cafè. Si trova presso la Casa Residenza Anziani Vici-Giovannini (via Ludwig Van Beethoven, 7/9) ed è un nuovo servizio rivolto a persone con deterioramento cognitivo di grado moderato o severo e ai loro familiari o assistenti. L’obiettivo è quello di proporsi come un luogo per stare insieme, ritrovarsi e condividere un’esperienza di vita che accomuna le persone con problemi cognitivi e coloro che se ne prendono cura (caregiver).

Il progetto, approvato dal Distretto di Riccione e finanziato dal Fondo Regionale per la Non Autosufficienza, è realizzato dall’Associazione Alzheimer Rimini (ente capo-fila di progetto) in collaborazione con il Comune di Riccione, il Comune di Cattolica e il Centro per i Disturbi Cognitivi e Demenze (CDCD) dell’Ausl Romagna. Il Cafè, che sarà aperto il mercoledì dalle ore 9 alle ore 12, si ispira al modello degli Alzheimer Cafè che hanno avuto origine in Olanda nel 1997 ad opera di Bere Miesen. Gli Alzheimer Cafè sono già presenti a Rimini dal 2010 e a Riccione dal 2013.

Avvalendosi di un’équipe di professionisti questo servizio offre alla cittadinanza uno spazio di ascolto e orientamento sul deterioramento cognitivo, con l’obiettivo di stimolare le risorse di chi ha problemi di memoria mediante attività psicosociali quali stimolazione cognitiva, stimolazione sensoriale, reminescenza e laboratori espressivo-motori; fornisce inoltre spazi di confronto e sostegno ai caregiver.

Siamo orgogliosi di questo ennesimo importante traguardo raggiunto – evidenzia l’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Cattolica Patrizia Pesciche rappresenta un rafforzamento dell’offerta di servizi locale e dell’intera rete territoriale a sostegno delle persone affette da questa grave malattia e loro familiari”.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!