Il Ponte

Alberi monumentali: Cesena, Forlì e Rimini ne hanno 16!

by

Il più vecchio è il Cipresso di San Francesco, che si erge all’interno del chiostro del convento di Santa Croce, a Villa Verucchio: ha un’età stimata di 800 anni. Il più alto, invece, è il Platano comune che con i suoi 47 metri svetta sugli altri esemplari che gli fanno da corona nel parco del Palazzo ducale di Parma. Tra questi un Olmo campestre di 37.5 metri di altezza, terzo nella classifica degli alberi monumentali più grandi dell’Emilia Romagna, a pari merito con la Sequoia sempreverde dei Giardini Margherita di Bologna. Il capoluogo felsineo conquista pure il secondo posto in questa graduatoria grazie al Platano di Piazza Minghetti, che sfiora i 40 metri. Per finire l’albero più grosso, cioè con la maggiore circonferenza del tronco – 8.30 metri – è il Cedro del Libano che cresce nel giardino di Villa Paolucci, a Forlimpopoli. Un po’ più smilzo, si fa per dire, è il Castagno di Monteombraro di Zocca (Modena), circa 8 metri. Segue al terzo posto il Platano orientale di Carpinello di Forlì (7.20 metri).

Sono alcuni dei 106 giganti verdi dell’Emilia Romagna inseriti nel primo elenco ufficiale degli Alberi monumentali d’Italia, approvato di recente dal ministero delle Politiche agricole, alimentari forestali, ora anche del Turismo. Una lista che comprende esemplari arborei, singoli o in gruppi e filari, ai quali è riconosciuto un particolare valore culturale e storico, oltre all’aspetto strettamente scientifico o ambientale. Alberi che proprio in considerazione di queste molteplici caratteristiche godono di una particolare tutela da parte della legislazione nazionale e regionale.

In provincia di Rimini oltre al Cipresso di San Francesco di Villa Verucchio, si trovano la Roverella, a Coriano, in via Scuole, 390 centimetri di circonferenza per 20 metri di altezza e il Rovere (quercus petraea) di Novafeltria, in via Le Docce Volta: questo esemplare vanta una circonferenza di 410 centimetri e un’altezza di 18 metri.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!