Il Ponte

1921, l’eccidio di Santa Giustina

by

Domenica 22 maggio 1921 sera, avviene l’eccidio di Santa Giustina, la frazione di Rimini posta sulla via Emilia, che i fascisti emiliani percorrono sui loro automezzi per tornarsene a casa. Per la festa del Corpus Domini, la gente si è radunata nel piazzale antistante alla chiesa che sorge proprio lungo l’antica strada consolare romana. C’è animazione tra la folla. I fuochi d’artificio rimbombano nell’aria. Ad un tratto avviene un fuggi fuggi generale. Si fatica a comprendere che cosa sia successo. Il bilancio complessivo sarà di tre persone uccise. Sul terreno resta il corpo di Ferdinando Samuelli Amati, 40 anni, sposato e padre di quattro figli. All’ospedale muoiono Pierino Vannoni, 18 anni, sposo da un mese e Salvatore Sarti, 42enne di San Lorenzo in Monte. Sono tutti lavoratori della terra. Sarti si trovava a Santa Giustina per ritirare del grano da un mugnaio del luogo.
A sparare sono stati i fascisti. Ma perché?

Le cause dell’attacco
L’Ausa del 25 maggio parla di «qualche provocazione e gesto all’indirizzo dei fascisti», di fischi, colpi di rivoltella, e di «un fascista leggermente ferito ad un polso». Il socialista Germinal del 28 assicura: «Nessuno ha sparato, nessuno ha provocato». Il Carlino del 24 ipotizza un agguato contro i fascisti, confermato (ma senza prove di fatto) dall’autorità di Polizia. L’Avvenire d’Italia dello stesso giorno scrive: «Secondo una versione, il delitto sarebbe stato provocato da elementi comunisti, fermi sul piazzale della borgata, i quali avrebbero rivolto parole ingiuriose contro i fascisti bolognesi mentre passavano in camion».
Tra gli arrestati, secondo L’Avvenire, c’è anche «il fascista ferito dai comunisti alla mano destra». Costui, scrive il Carlino, «raggiunse il vicino piazzale della Chiesa, entrò nella Canonica, si fece medicare, e al parroco raccontò di essere stato colpito…».
«Quella fu una notte tremenda che si poteva evitare, e che noi vecchi non sappiamo ancora dimenticare», testimoniò a Flavio Lombardini (giornalista riminese, ndr) nel 1982 un anziano di Santa Giustina che aveva assistito all’eccidio: «Sul momento la gente non si rese conto di quanto avveniva». Su quattro persone incontrate, soltanto due raccontano qualcosa a Lombardini. «Al momento di congedarmi, il più vecchio dei quattro, un ottantenne ancora “in gamba”, che per tutta la durata del colloquio osservò il più “placido silenzio”», scrisse Lombardini, «tenne a dichiarare che in quel tempo Santa Giustina era conosciuta come la frazione di Rimini in cui più forte era l’antifascismo, che si raccoglieva attorno al socialista Adamo Berti e al parroco don Silvio Casadei». Don Silvio è il sacerdote che aiuta don Montali nel fare i conti della Cassa rurale di San Lorenzino.
L’opinione di quell’interlocutore “muto” di Lombardini, la troviamo espressa anche in una breve biografia di Berti: «La violenza fascista aveva scelto Santa Giustina come villaggio da colpire e su cui sfogarsi prima di tornare a Bologna, perché antifascista più degli altri paeselli e certamente si volle lasciare un’impronta della pazzia e della cattiveria dei suoi alfieri, sparando all’impazzata».

La vendetta di luglio
I funerali di Platania erano stati disertati dalla popolazione, come abbiamo visto nella precedente puntata (su ilPonte del 26 gennaio scorso). Il settimanale fascista di Bologna, L’Assalto, definì allora Rimini «la città dei rammolliti e dei vili», un «paese di mercanti ed affittacamere», ed assicurò: «La vendetta fascista avverrà… nel periodo più movimentato della stagione balneare». Essa ci fu, ma fortunatamente senza conseguenze, il 10 luglio ’21. Una squadra di fascisti provenienti da Forlì, si limita a dare qualche pugno «ad un giovane che, parlando con degli amici, aveva pronunciato una frase» che le camicie nere ritennero diretta a loro.

Più drammatico invece è l’episodio del 21 agosto: all’ingresso di Riccione, alcuni giovani sportivi riminesi vengono scambiati per dei fascisti. Sono a bordo di un camion, e stanno tornando da Morciano, dove si è svolta una gara motociclistica, durante la quale hanno prestato servizio d’ordine. «In doveroso silenzio per la morte avvenuta sul percorso del corridore Gaddoni di Faenza», scriveva Lombardini, quel gruppo viene «fatto segno ad una nutrita scarica di fucili, partita da dietro un bosco». Restano feriti seriamente Mario e Giovanni Gorini, ricoverati all’ospedale Ceccarini. In maniera leggera, Libero Battistini e lo stesso Flavio Lombardini, impallinato alle gambe e alla schiena. «La sparatoria riccionese ebbe origine dal fatto che nel pomeriggio di domenica 21 agosto era transitato da Riccione un camion di fascisti bolognesi diretto a Cattolica per una spedizione punitiva in seguito ad incidenti verificatisi fra bagnanti bolognesi e antifascisti di Cattolica» che avvertirono i loro colleghi di Riccione. I quali così passarono all’azione, ma sbagliando bersaglio. Per poco, non si ebbe una strage come quella di Santa Giustina.
L’Ausa del 27 agosto, a proposito di quell’episodio, parla di «alcuni riccionesi i quali hanno l’incubo fascista che li terrorizza», e commenta: «La selvaggia imboscata dei tanto decantati fautori della libertà ha prodotto profondo disprezzo e schifo in ogni galantuomo (che fortunatamente c’è ancora nel nostro paese)».

La violenza fascista dilaga in tutt’Italia in quell’agosto ’21. Il giorno 20 L’Ausa esce con queste parole: «Sarebbe ora di finirla! I signori fascisti dovrebbero sentire il dovere di espellere dal loro seno i delinquenti che si sono infiltrati, e di smascherarli coraggiosamente».
A Rimini in piazza Tripoli, il giorno 14 agosto, sotto la pioggia, un nucleo di arditi del popolo (comunisti) ha attaccato alcuni fascisti. Un componente del direttorio di Bologna, Augusto Alvisi è restato ferito alla natica sinistra. Per quell’episodio, con l’accusa di tentato omicidio, il 29 agosto viene arrestato Carlo Ciavatti. Nella primavera del ’23, si confesserà autore dell’omicidio Platania.
Per la famiglia Platania, per tutta l’estate del ’21 si raccolgono fondi: il totale è di 23.986,40 lire. Per le famiglie delle tre vittime di Santa Giustina, la somma raggiunta è di 727 lire.
Antonio Montanari

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!