Il Ponte

Romagna, terreno fertile per le imprese: 98 ogni 1.000 abitanti

by

Romagna imprese

La Romagna non ha nulla da invidiare all’Emilia in quanto realtà imprenditoriali. Secondo le elaborazioni (su dati Infocamere aggiornati al 31/12/2016) realizzate dalla Camera di commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini, il sistema imprenditoriale di riferimento della nuova Camera è costituito da 99.446 localizzazioni registrate (88.340 attive) di cui 82.224 imprese registrate (71.714 attive) ed è caratterizzato da un’imprenditorialità particolarmente diffusa: 98 imprese attive ogni 1.000 abitanti, rispetto a 92 registrate a livello regionale e 85 a livello nazionale.
Rispetto al totale delle imprese attive, 15.187 sono le imprese “femminili”, 7.202 quelle “straniere” e 5.403 quelle “giovanili”. 140 sono le “start up innovative” (ultimo dato disponibile al 30/1/2017) che operano principalmente nei servizi (85) e nell’industria/artigianato (30).
Rispetto agli ultimi anni – buona notizia – rallenta il calo delle imprese attive. La dinamica registrata a fine 2016 rispetto al 31/12/2015 evidenzia una variazione complessiva delle imprese attive in linea con quella media regionale (-0,7%).

I settori. Escludendo l’agricoltura, il commercio costituisce il 27,9% delle imprese attive e registra una flessione dello 0,6%. Ancora significativa la diminuzione delle imprese dell’edilizia (-1,8%), il 17,1%. Segue per incidenza il settore “alloggio e ristorazione” (11,9% – 0,7%). In calo del settore manifatturiero, che rappresenta il 10,1%, si attesta sull’1,6%. Le attività immobiliari, che rappresentano l’8,7% delle imprese, diminuiscono del 2% mentre restano stazionarie le “altre attività di servizi”. Segnali positivi in termini di crescita provengono invece dai micro comparti per alcuni aspetti più innovativi: dalla fornitura di energia, ai servizi di noleggio, agenzie viaggio e supporto, all’istruzione, alla sanità e all’assistenza sociale, alle attività professionali, alle attività finanziarie e di assicurazione, ai servizi di informazione e comunicazione.
Le imprese del settore agricolo, comparto caratterizzato da dinamiche e specificità particolari, che rappresentano il 13,1%, sono diminuite dell’1,7%.

Tipologia. 12.430 imprese sono società di capitale, 17.229 società di persone, 40.418 ditte e 1.637 “altre forme”. Complessivamente, al netto del settore agricolo, le società di capitale costituiscono il 19,6% del totale, le società di persone il 25,1%, le ditte individuali il 52,9% e le “altre forme giuridiche il 2,5%.
In termini di numerosità, assumono particolare rilievo le imprese attive artigiane (21.944) e quelle cooperative (850).
Accanto a realtà imprenditoriali di rilievo internazionale, opera un numero elevato di piccole e medie imprese (il 93,6% delle imprese rientra nella classe dimensionale fino a 9 addetti) che svolgono un ruolo significativo nella creazione dei valori e della ricchezza.

Il commento del Presidente Fabrizio Moretti: “I numeri delineano una realtà imprenditoriale articolata e intraprendente caratterizzata da importanti specializzazioni e filiere sulle quali possiamo sviluppare progettualità specifiche: un mix produttivo composito nel quale alla rilevanza di un solido posizionamento nel settore primario (agricoltura e pesca) e secondario (manifattura) si affianca lo sviluppo del terziario tradizionale e avanzato (commercio, turismo e servizi). Valorizzare questa importante realtà, contribuendo a risolverne le criticità e investendo sui punti di forza, rappresenta una grande sfida ma anche una grande opportunità e la Camera di commercio della Romagna Forlì-Cesena e Rimini vuole essere un attore e uno strumento fondamentale per realizzare un ecosistema economico e sociale sempre più attrattivo, competitivo e innovativo”.

 

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!